Feed RSS

Archivi del giorno: 5 agosto 2011

“Roma segreta dalla A alla Z”, seconda edizione

Inserito il

È in corso la seconda edizione di “Roma segreta dalla A alla Z”, iniziativa che prevede una serie di attività culturali e visite didattiche che proseguiranno per tutta l’estate in 16 aree archeologiche di pertinenza della Sovraintendenza comunale: Acquedotto Vergine, Auditorium di Mecenate, Casa Protostorica di Fidene, Cisterna delle Sette Sale, Colombario di Pomponio Hylas, Insula Romana sotto Palazzo Specchi, Ipogeo di Via Livenza, Ludus Magnus, Mausoleo di Lucilio Peto, Mausoleo di Monte del Grano, Mitreo dell’Ara Massima di Ercole, Monte Testaccio, Porta Asinaria, Sepolcri Repubblicani, Trofei di Mario e Porta Magica, Villa di Plinio.
“Roma segreta dalla A alla Z” è promossa da Roma Capitale, Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico, Sovraintendenza ai Beni Culturali in collaborazione con Zètema Progetto Cultura.
Per maggiori informazioni è possibile rivolgersi al numero 06.0608 (tutti i giorni dalle ore 9.00 alle ore 21.00) o navigare sul sito http://www.060608.it.

Annunci

Sardegna: sole, mare ma anche sughero

Inserito il

La Sardegna non offre solo mare, sole e buona cucina, ma anche molti altri spunti di interesse per il visitatore. Tra questi le sugherete, le foreste da sughero, vere e proprie comunità di esemplari di querce centenarie che, al loro interno, creano un particolare microclima che dà vita a un habitat ideale per la proliferazione di diverse specie di animali, volatili e piante.
Imponenti e maestose, le sugherete popolano soprattutto la regione della Gallura, la porzione nord-orientale della Sardegna ed entroterra della Costa Smeralda, estendendosi spesso ininterrottamente per centinaia di ettari come un tappeto verde di milioni di alberi fra cui spiccano guglie di granito.
Diversi gli itinerari possibili per chi voglia scoprire queste particolari foreste: tra gli altri, l’Itinerario Monti/Calangianus-Tempio Pausania da percorrere in auto o in bicicletta.
In auto si percorre la Strada Statale 127 che da Olbia prosegue in direzione di Calangianus. Le sugherete fanno la loro comparsa dopo pochi chilometri e, mano mano che si procede più verso l’interno, i boschi che fiancheggiano la strada diventano sempre più fitti e gli alberi sempre più imponenti. Arrivati nei pressi del Monte Limbara, il paesaggio lascia spazio a gole e valli dove le sugherete si estendono a perdita d’occhio.
In alternativa, un percorso di 30 chilometri da fare in bicicletta (o anche a piedi, per i più allenati in circa sei/sette ore), lungo il vecchio tracciato della ferrovia a scartamento ridotto che in passato collegava Tempio Pausania e Calangianus con la stazione di Monti per agevolare il trasporto del sughero che si raccoglieva nell’entroterra verso il porto di Olbia. Oggi, quel che resta della vecchia ferrovia, dopo un importante lavoro di recupero che ha interessato la maggior parte del percorso, costituisce uno dei più suggestivi tracciati pedonali e ciclabili.

http://www.ilsughero.org