Feed RSS

Archivi del giorno: 19 novembre 2012

Via Francigena, concluso il progetto con l’apertura del quarto tratto

Si è concluso la scorsa settimana, con la presentazione del quarto tratto del percorso da Torino alla Liguria, il piano di valorizzazione e promozione della Via Francigena.
L’iniziativa, iniziata nel 2010, è stata affidata dalla Regione Piemonte all’Atl Turismo Torino e Provincia nell’ambito del Progetto Interregionale sulla Via Francigena. Il primo tratto aperto, due anni fa, è stato quello di Sigerico (attraverso il territorio Morenico-Canavesano, tratto che entra in Piemonte dalla Valle d’Aosta). In seguito il progetto è continuato con il percorso della Valle di Susa (che, con quello Monginevro/Arles, si collega con il cammino di Santiago di Compostela) e con il Torino-Vercelli.
Il quarto tratto, il cui titolo è “Via Francigena verso il mare. Città, borghi e colline del Monferrato”, attraversa i territori di Asti e Alessandria, in collaborazione con le Atl di Asti e Alessandria. Il percorso, di circa 170 km, con il coinvolgimento di 84 operatori privati, della ricettività, della ristorazione e dei prodotti artigianali e tipici, parte da Torino e si snoda nelle Province di Asti e Alessandria con un’offerta di beni culturali romanici, tra cui gran numero di edifici religiosi e abbazie romaniche che si incontrano in particolare nel territorio tra Torino e Asti, come l’Abbazia di Vezzolano.
Molti di questi siti sono stati inseriti nel progetto dell’Associazione Internazionale Transromanica, riconosciuta nel 2007 dal Consiglio Europeo quale ‘Grande Itinerario Culturale’.
Il materiale realizzato ad hoc (tradotto in inglese e francese) comprende una cartina geografica dell’area con l’indicazione del percorso, le distanze, i beni culturali, le aree di sosta, i luoghi dove mangiare, dormire e acquistare prodotti tipici, i cui indirizzi sono stati riportati sul retro. Sempre sul retro della cartina sono state inserite le descrizioni delle varie tappe del percorso e delle chiese e dei beni culturali presenti lungo il cammino. Il materiale è in distribuzione negli Uffici del Turismo di Torino e Provincia, di Asti e di Alessandria e alle principali fiere di settore a cui le Atl partecipano in Italia e all’estero.
Turismo Torino e Provincia ha inoltre realizzato un trailer, un video promozionale e un sito dedicato http://www.turismotorino.org/viafrancigena (tradotto in inglese, francese, spagnolo e tedesco), nel quale sono stati inseriti i 4 itinerari e tutte le descrizioni, le tracce gps e gli indirizzi utili.

Tensione Israele-Palestina: le indicazioni della Farnesina

L’escalation della tensione tra Israele e Palestina ha spinto la Farnesina ad alzare la guardia, fornendo ai viaggiatori indicazioni per chi dovesse recarsi nel Paese per motivi turistici o di lavoro.
Nell’avviso pubblicato sul sito dedicato viaggiaresicuri.it il Ministero sottolinea: “Si suggerisce di attenersi scrupolosamente, durante la permanenza, alle misure cautelative indicate alla voce ‘Sicurezza’ della scheda. Si consiglia ai connazionali di registrare i dati relativi al viaggio sul sito Dove siamo nel mondo e di sottoscrivere un’assicurazione che copra anche le spese sanitarie e l’eventuale trasferimento aereo in altro Paese o il rimpatrio del malato”.
Indicazioni vengono fornite anche agli italiani che risiedono stabilmente in Israele per motivi di lavoro o affari: “Si suggerisce di segnalare la propria presenza all’Ambasciata in Tel Aviv indicando indirizzo (in loco ed in Italia) e recapiti (inclusi e-mail e numero di cellulare), nonché il periodo di permanenza nel Paese, anche ai fini dell’inserimento del piano di emergenza dell’Ambasciata e per ricevere comunicazioni di emergenza via e-mail e/o sms”.
L’avviso della Farnesina raccomanda inoltre di evitare le zone a Sud del Paese e quelle adiacenti alla striscia di Gaza, dove maggiori sono i rischi.

Boom di arrivi nel Queensland per l’eclissi di sole

Sono stati oltre 60mila i visitatori che che si sono recati nel Queensland, in Australia, per assistere allo spettacolo dell’eclissi totale di sole lo scorso 14 novembre.
L’evento è stato accompagnato anche da condizioni meteo ideali nel Nord-Est del Paese: in quest’occasione il fenomeno ha avuto una durata di un paio di minuti e il sole è stato ridotto a un cerchio luminoso. Il fenomeno è durato solo un paio di minuti: il sole è stato ridotto a un cerchio luminoso, è calata l’oscurità  e uccelli e insetti, spaventati, hanno smesso di fare rumore. Anche la temperatura è scesa.
Oltre ai turisti, provenienti da ogni parte del mondo grazie anche a pacchetti speciali studiati ad hoc dai tour operator, sono stati circa 1.300 gli studiosi che hanno approfittato dell’evento, per effettuare studi specifici.
L’ultima eclissi totale di sole risaliva all’11 luglio del 2010, quando il sole fu oscurato dalla luna nel Pacifico meridionale. La prossima è prevista il 20 marzo del 2015 sopra l’Islanda, le isole Far Oer e l’arcipelago delle Svalbard.