Feed RSS

Archivi tag: barriera corallina

All’asta per 80 milioni un’isola con hotel sulla Barriera Corallina

Inserito il

Daydream Island - Australia

Verrà battuta all’asta a un prezzo base di 80 milioni di euro. È la Daydream Island, atollo mozzafiato sulla Barriera Corallina australiana, che il proprietario ha deciso di mettere in vendita.
Di fronte alle coste del Queensland, nelle Whitsunday Islands, l’isola verrà venduta nel 2014 per un valore d’asta stimato in circa 100 milioni di dollari australiani. L’isolotto sarebbe, attualmente, di proprietà di Vaughan Bullivan, businessman che l’aveva pagata circa 25 milioni di dollari locali nel 2000, spendendone circa il doppio per rinnovarla e attrezzarla. Daydream Island è dotata di una struttura alberghiera con camere vista mare, una spa, spiaggia privata per ogni ospite e attrezzature per praticare attività subacquee ed ha appena completato un anno finanziario molto positivo.

Annunci

Indonesia, vacanze diving nel parco di Wakatobi

Inserito il

Situato a sud-est di Sulawesi, il parco marino di Wakatobi e le sue quattro isole maggiori (Wangi Wangi, Kaledupa, Tomea e Binongko) sono stati dichiarati Riserva della biosfera dell’Unesco.
Il Wakatobi Dive Resort, unico resort presente all’interno del parco,permette di esplorare barriere coralline e siti d’immersione ricchi di vita anche alle basse profondità. Entro l’anno verrà inoltre ultimato un Museo galleggiante che dovrebbe ospitare oggetti storici del popolo Wakatobi e collezioni di varie specie di vita marina. L’arcipelago è raggiungibile da Bali tramite volo privato, il periodo migliore va da marzo a dicembre. Luglio e agosto sono i mesi con minor visibilità ma con maggior possibilità di incontrare i grandi animali marini per la presenza del plancton.

Mauritius, il fascino di Long Beach: “the Edge of Paradise”

Eleganza raffinata, semplicità e libertà: tutto all’Hotel Long Beach, novità dei lussuosi Sun Resorts di Mauritius, situato sulla penisola di Belle Mare, lungo la costa orientale dell’isola.
Dopo due anni di lavori da circa 65 milioni di euro, Long Beach è stato inaugurato ad aprile scorso. Si tratta di un resort 5 stelle all’interno di un parco di oltre 23 ettari (con 500.000 piante di 26 specie) affacciato su sette chilometri di spiaggia bianca profonda 40 metri (la più lunga e ampia spiaggia dell’isola), vicino a un’area di bassi fondali ideali per lo snorkelling e gli sport acquatici.
Il design contemporaneo-tropicale, l’impiego di materiali locali come il legno Balau e il basalto nero, tetti di paglia di canna e arredi pastello lo rendono una struttura pensata per accogliere una clientela di ospiti attivi che apprezzano la cultura e lo stile. Un prodotto, quindi, per  clientela colta ed esigente, ma anche per famiglie, gruppi, o anche incentive di alta qualità.
Allo stesso tempo, si tratta di un resort interamente ecosostenibile, come vuole la strategia dei Sun Resorts, rispettosa dell’ambiente e delle comunità locali, che forniscono frutta verdura e pesce, e ricevono formazione.
Long Beach è composto di 255 camere, tutte vista mare e ben attrezzate: ciascuna ha a disposizione 109 metri quadrati di spiaggia. Ci sono tra l’altro camere “family-friendly” comunicanti per le famiglie, molto spaziose, con due bagni e due TV con ampia scelta di programmi, anche per ragazzi (e anche in lingua italiana).
C’è poi tutta una serie di servizi ed attività dedicate a soddisfare le esigenze di chi viaggia con bambini e non solo: due Kids Club (per Angels, da 4 a 11 anni, e Waves Teens, da 12 a 17), tre bar e cinque ristoranti di cui uno in spiaggia e quattro sulla grande piazza (Le Marchè con sette scenografiche cucine a vista e l’italiano Sapori coordinato dallo chef Moreno Cedroni, poi un ristorante giapponese e uno cinese) e per cocktail e pesce fresco ci sono anche Tides Pool e Beach Bar. 
Nel giardino intorno ad un lago naturale c’è Sea Spa, il centro benessere con hamman e 12 sale per trattamenti di cosmetologia marina, talassoterapia Thal’ion che utilizza alghe francesi.
Infine tutto per lo sport, con palestra, tennis, calcetto, tiro con l’arco, ping pong, parete per arrampicata, basket e polos, oltre tutta la varietà di mare, dalla vela al windsurf, alle gite su barche con fondo di vetro (gratuite) e poi sci nautico, immersioni, pesca d’altura.
Inoltre, condizioni particolari sono previste per l’accesso al Golf Course di Le Touessrok, sulla vicina Isola dei Cervi (Ile aux Cerfs), con navetta gratuita e da novembre anche il green gratuito.

Fino a ottobre l’Hotel Long Beach offre un prezzo di lancio di circa 196 euro per la doppia con  mezza pensione per due.

Kenya, Fort Jesus Patrimonio Unesco

Inserito il

L’Unesco ha dichiarato Patrimonio Mondiale dell’Umanità il Fort Jesus di Mombasa. L’antica roccaforte portoghese è uno dei monumenti principali del patrimonio culturale costiero del Kenya e testimone di oltre 400 anni di storia swahili.
Il riconoscimento segna un momento importante per il turismo del Paese africano che annovera la cultura tra le sue maggiori attrazioni turistiche, accanto alla sua biodiversità, ai safari e alla costa corallina. Grazie alla decisione dell’Unesco, infatti, Fort Jesus e il ricco patrimonio culturale tramandato di generazione in generazione potranno ricevere aiuti più consistenti per la conservazione a beneficio non solo del popolo keniota, ma anche delle generazioni future di tutto il mondo. Prevedibile, inoltre, l’aumento degli arrivi turistici nella regione costiera.

Queensland: un’estate ricca di eventi ad Hamilton Island

Inserito il

Hamilton Island, una delle isole Whitsundays, affacciata sulla Grande Barriera Corallina australiana in Queensland progetta per la stagione estiva un ricco calendario di eventi:

  • dal 16 al 19 giugno, l’Hamilton Island Cup, l’evento di canottaggio più importante al mondo
  • dal 24 al 26 giugno il Great Barrier Feast Series, festival enogastronomico (che si terrà anche dal 22 al 24 luglio e dall’11 al 13 novembre 2011)
  • dal 1 al 3 luglio Pas de Deux in Paradise dell’Australian Ballet
  • dal 19 al 27 agosto il prestigioso evento off shore di imbarcazioni di lusso – l’Audi Hamilton Island Race Week.

Dal 15 al 20 novembre sarà la volta del Fujifilm Hamilton Island Triathlon.

Oman, vacanze diving

Inserito il

Il sultanato dell’Oman sta affermandosi quale meta per le immersioni subacquee in Medio Oriente. Merito dei fondali del mar Arabico popolati dalla fauna marina che trova rifugio nella barriera corallina e della riserva naturale delle isole Damaniyat, al largo delle coste davanti alla città di Barka, note per i suoi giardini di corallo e l’abbondante fauna acquatica.
Per vivere il sultanato dell’Oman all’insegna del diving, sono disponibili proposte di soggiorni al Sawadi Beach Resort in mezza pensione con quote da 890 euro, compresi i voli di linea per Muscat e 10 immersioni.

Seychelles, un arcipelago d’incanto

Inserito il

I gossip mormorano che William e Kate siano finalmente partiti per la loro luna di miele. Destinazione top secret? Forse un’isola privata delle Seychelles? Si sa solo che i novelli sposi britannici alloggeranno in un resort da 4500 euro a notte.
Nel caso vi fosse venita voglia di seguirli, ecco dove andare.

Le Seychelles sono conosciute come le isole più belle e incontaminate di tutti gli oceani, il più bell’arcipelago dell’Oceano Indiano. Si contano ben 115 isole: isole granitiche e atolli corallini formano un angolo di paradiso in Terra…
Le isole granitiche o ‘isole vicine’ (Inner Islands) sono montagnose e posizionate su una piattaforma oceanica, relativamente poco profonda, a 1800 km dalle coste est dell’Africa. Le isole coralline o ‘isole lontane’ (Outer Islands) sono, invece, piatte e basse e si trovano a sud dell’equatore.

Il gruppo di ‘isole vicine’ è formato da 43 isole (41 granitiche e due coralline). E’ qui che risiede la maggior parte della popolazione che si concentra nelle famose isole di Mahé, Praslin e La Digue.
Sulla lussureggiante Mahé si trova la baia di Anse Louis, una spiaggia intatta e solitaria con acque turchesi e sabbia immacolata.
A Praslin si trova una delle più belle baie del mondo e le spiagge di Cote d’Or e Anse Lazio oltre alla Vallée de Mai, sito patrimonio dell’Unesco dove sono conservati oltre 4.000 esemplari di coco de mer, il frutto simbolo dell’arcipelago.
Sull’isola di La Digue la spiaggia Anse Source d’Argent offre scenari da cartolina e romantici scorci su spiagge di acque turchesi circondate dalla tipiche rocce granitiche.

Le ‘isole lontane’ contano 72 isole coralline formate da cinque gruppi: Amirantes, Alphonse (le uniche due turistiche), Corallino del sud, Farquhar e Aldabra.
Poco conosciute rispetto a Mahé, Praslin e La Digue, sono praticamente prive di strutture turistiche e quindi molto meno visitate rispetto alle isole granitiche, anche per via della loro distanza. Ecco perché possiamo considerarle un vero e proprio paradiso incontaminato: si tratta di banchi di corallo, atolli e banchi di sabbia o solitari affioramenti rocciosi, che offrono habitat inesplorati e sono il regno di numerose specie vegetali e animali.
Il gruppo delle Amirantes è formato da cinque isole principali: Desroches, African Banks, D’Arros (con l’Atollo di St. Joseph), l’Atollo di Poivre e Remire. Per riuscire a vedere tutte le isole, l’ideale è organizzare una crociera in barca a vela.
Di tutte le isole del gruppo, Desroches è l’isola più vicina a Mahé (230 km) ed è l’unica ad avere una struttura alberghiera. E’ raggiungibile con un volo di circa 50 minuti. Vanta 14 km di spiagge immacolate tutt’attorno a una piantagione di cocco. La più bella spiaggia dell’isola è Bombe Bay Beach.
L’African Banks è l’approdo più a nord del gruppo delle Amirantes ed è composto da due isolette disabitate, Nord e Sud. Le loro acque abbondano di maccarelli, tonni e squali!
D’Arros, insieme all’adiacente Atollo di St Joseph, forma parte di una proprietà privata con una laguna di una bellezza eccezionale. L’isola ospita numerose colonie di uccelli marini, una piccola popolazione di tartarughe giganti ed è frequentemente visitata da tartarughe marine che vengono a deporre le uova.
St Joseph comprende molte isole, come Fouquet, Ressource, Ile Varres, Petit Carcassaye, Grand Carcassaye, Banc de Sable, Banc Cocos, Ile Paul e Pelican. Con l’alta marea, granchi giganti blu migrano dalle profondità della laguna alle secche circostanti. L’Atollo di Poivre è famoso per la bella laguna e le acque pescose. Le due isole che compongono questo atollo, Poivre e l’Isola del Sud, sono molto diverse fra loro e sono separate da una semi-laguna. Sulle isole vivono aironi blu, aironi cinesi, fregate, cardinali. L’isola di Remire, conosciuta anche come “l‘Aquila”, è la più a nord del gruppo ed è anche la più incantevole.

E voi che honeymoon sognate?