Feed RSS

Archivi tag: benessere & relax

Pinguini a Torino: arrivano in Italia le spiagge urbane

Inserito il

Bolder Beach - Torino spiaggia in città

Miracolo in città: c’è il mare sotto casa. Dopo Parigi, che ha lanciato anni fa per prima l’idea della Paris Plage sulla Senna, una serie di grandi capitali europee hanno seguito a ruota. Ed ora arrivano anche le mete italiane: Firenze apre ‘Easy leaving’, la spiaggia urbana lungo l’Arno, Milano il ‘Gardaland Waterpark’ in zona San Siro, Roma il ‘Villa Bau Village’ sulle rive del Tevere… Torino vuole esagerare e propone ‘Bolder Beach’ a 20 minuti dal centro, nel parco Zoom di Cumiana: richiama la spiaggia di Cape Town, con tanto di ombrelloni in paglia, rocce levigate e persino i pinguini.
Le spiagge urbane sono diventate il vero fenomeno del nuovo millennio: le ‘città sull’acqua’ fin da tempi immemori hanno utilizzato il polmone costituito dai fiumi o dai canali per il refrigerio estivo, ma da qualche anno la tendenza è diventata creare delle vere e  proprie oasi attrezzate con tutti i confort da spiaggia. E il successo non si è fatto attendere: Paris Plage, la prima ad essere nata, registra 3 milioni di persone a stagione, Berlino ha il più grande lungofiume attrezzato d’Europa e Amsterdam poco meno.
Forse le spiagge delle Riviere italiane possono iniziare a temere la concorrenza?

Annunci

Digital detox, vacanze senza internet

Inserito il

Lasciate ogni smartphone o voi che entrate. Si potrebbe parafrasare così il motto di Digital Detox, una compagnia nata nel 2012 con l’obiettivo di aiutare le persone a disintossicarsi dalle decine di dispositivi digitali dai quali siamo tutti più o meno dipendenti. Come? Organizzando ritiri e campi estivi dove ogni tecnologia è bandita, così da favorire i rapporti umani e il contatto con la natura.
L’idea è venuta a Felix Levi, un giovanissimo americano che a soli 24 anni si era reso conto di essere dipendente da PC, smartphone e tablet, passando quasi 80 ore alla settimana incollato a uno schermo. Così Felix ha lasciato il suo lavoro ben pagato e ha passato due anni in giro per il mondo alla ricerca di uno stile di vita diverso, tra yoga e meditazione. E al suo ritorno negli Stati Uniti ha deciso di condividere quest’esperienza con altre persone, alla modica cifra di circa 2mila dollari per quattro giorni di detox. Come quelli di Camp Grounded, che si è svolto a giugno nella Anderson Valley, la patria californiana del vino. Ma la storia di Levi non è semplicemente quella di un “hippie del duemila”: l’americano medio passa tra le 8 e le 12 ore al giorno davanti a uno schermo, e dedica a Internet il 30% del suo tempo libero. Senza contare le infinite notifiche e messaggi che affollano in continuazione i nostri smartphone. E c’è mancato pochissimo che la dipendenza da Internet (o IAC, Internet Addiction Disorder) entrasse nel recente DSM-5, la bibbia delle patologie psichiatriche. La filosofia dietro il digital detox non punta però alla rimozione del digitale dalla nostra vita: l’obiettivo è quello di educare a un uso moderato e cosciente della tecnologia che ci circonda, senza diventarne schiavi.
E se negli Stati Uniti iniziative di questo tipo spuntano ovunque, persino nel tempio digitale della Silicon Valley, anche in Italia alberghi e resort si stanno attrezzando per offrire vacanze unplugged, come ad esempio il Poecylia Resort in Sardegna o l’hotel Villa di Campo in Trentino. Le tariffe vanno dai 180 ai 240 euro a notte, ma non preoccuparti: se vuoi una disintossicazione fai-da-te ti basta una semplice app come Digital Detox che blocca completamente il tuo smartphone da 30 minuti fino a 30 giorni. Ma fai attenzione: una volta confermata la tua scelta, non si può più tornare indietro. Buon detox!

Fonte: wired.it

Roma, il Regina Hotel Baglioni apre le porte al lusso della Roman Penthouse

Inserito il

Hotel Baglioni - Roma

Una vista mozzafiato a 360 gradi, che spazia dalla Cappella Sistina al Colosseo, da terrazze private di quasi 300 mq; un servizio superesclusivo, con maggiordomo e chef a disposizione; uno spazio complessivo di 560 mq a disposizione, con cucina e bar privati. Sono queste le caratteristiche upper level della nuova top suite del Regina Hotel Baglioni, la “Roman Penthouse”.
Situato all’ultimo degli otto piani dell’hotel, l’appartamento è composto da una suite, due camere, una sala da pranzo, salotti, cucina e bar e offre ai propri ospiti servizi quali una jacuzzi con cromoterapia e una palestra esterne.
A disposizione dei clienti anche un maggiordomo, uno chef privato per tre ore al giorno, un barman privato per due ore, un concierge dedicato e un servizio limousine attivo 4 ore al giorno.
Servizi non per tutti, così come non per tutti è il prezzo: 14mila euro a notte.

Asia. Cosa fare in aeroporto durante un lungo scalo?

Inserito il

Incheon International Airport

Avete in programma un viaggio che prevede uno scalo in Asia e non avete voglia di rimanere in aeroporto? Forse non lo sapete, ma ci sono molte cose da fare durante quelle interminabili ore per evitare di passeggiare annoiati tra negozi ormai uguali in tutto il mondo o di mangiare in ristoranti dai prezzi ingiustificatamente elevati.

Corea del Sud. Incheon International Airport
Si tratta dell’aeroporto più grande dello Stato a circa 50 chilometri da Seoul. Al piano seminterrato ospita un accogliente centro termale a cui si può accedere con un biglietto di soli 13 euro. Vasche di acqua calda e fredda, saune e bagni di vapore per alleviare la tensione muscolare accumulata durante il volo.

Giappone. Narita International Airport
Se lo scalo previsto in questo aeroporto è di più di tre ore, potete prendere in Narita Express, che in soli 10 minuti vi porterà a scoprire Narita. La città è ricca di negozi, ristoranti e templi buddisti da visitare, come il Naritasan, il meno turistico. Potrete immergervi per qualche ora nell’atmosfera giapponese e godere del suo straordinario cibo spendendo pochi yen.

Bangkok. Suvarnabhumi Airport
Al primo piano c’è una caffetteria frequentata dal personale aeroportuale molto più conveniente rispetto agli altri bar. È organizzata come i punti di ristoro tipici delle stazioni dei bus thailandesi, con bancarelle che vendono ogni tipo di cibo asiatico. Per usufruirne è necessario acquistare prima i coupon alla cassa.

Singapore. Changi Airport
Anche qui, come a Bangkok, ci si può dedicare alla buona cucina. Numerose bancarelle ambulanti propongono specialità indiane, cinesi e malesi, così da poter fare un gustoso viaggio anche senza lasciare l’aeroporto. Vengono organizzati anche feste culturali, che coinvolgono i viaggiatori in transito. Il 10 febbraio 2013, ad esempio, si è svolta la festa del nuovo anno lunare, tra musica, arte e, naturalmente, cibo.

Fonteverde Collection, soggiorni alle terme per cani e gatti

Inserito il

animali, gatto e cane

A Fonteverde, Bagni di Pisa e Grotta Giusti, i tre esclusivi resort termali di Fonteverde Collection, cani e gatti sono i benvenuti.
Solitamente viene applicato un supplemento che non verrà applicato nei mesi di luglio, agosto e settembre, fornendo al tempo stesso un kit completo di ciotola, coperta, borsetta; grandi spazi verdi dove farli correre in libertà, magari in compagnia di un dog sitter disponibile su richiesta; pasti  garantiti.
A Fonteverde sarà inoltre a disposizione degli animali un’apposita piscina termale alimentata da acque solfate ad una temperatura di 36-38°. Secondo studi scientifici, anche cani e gatti affetti da artriti, artrosi e malattie cutanee traggono beneficio dalle terapie termali.

Il meglio del Venezuela con Tour 2000

Inserito il

Venezuela - cascata Salto Angel

Il meglio del Venezuela in otto giorni in una speciale proposta di Tour 2000 Go Sudamerica, che prevede la partenza dall’Italia per Caracas e da qui un tour alla scoperta del parco di Canaima, ricco di lagune, corsi d’acqua, colline e foreste dominate dal Salto Angel.
Tappa successiva Puerto Ordaz, base di partenza per ammirare il delta dell’Orinoco, tra canali, boschi di mangrovie, piccole isole e i villaggi abitati dalla comunità Warao. Proseguimento per Isla Margarita, nelle Antille Meridionali, per due giorni di relax, divertimenti e attività balneari.
Il costo del pacchetto di 10 giorni 8 notti è di 1.990 euro a persona prenotando entro il 30 maggio: partenze ogni sabato e domenica da Milano e Roma, trasferimenti, hotel con alcuni pranzi e cene. Solo pernottamento a Isla Margarita.

Top Cruises: “all inclusive” sulle crociere A-Rosa in esclusiva per l’Italia

Inserito il

crociera fluviale

Top Cruises lancia in esclusiva per l’Italia i pacchetti “tutto compreso” a bordo della flotta tedesca A-Rosa per gli itinerari tra Reno, Danubio e Rodano.
E’ già possibile prenotare tutte le crociere A-Rosa di almeno 6 giorni, con partenze da aprile a settembre, scegliendo la speciale tariffa All Inclusive Plus, che include nel prezzo di crociera tantissimi servizi in più tra ristorazione, benessere, dotazioni extra in cabina ed escursioni: una vera e propria quota di pacchetto, non un supplemento, che finalmente porta anche sulle navi fluviali la comodità e i vantaggi della formula tutto compreso.
A-Rosa è l’unica compagnia ad offrire sul mercato crocieristico fluviale una flotta 4 stelle con vere e proprie navi-boutique hotel e una gamma sempre più ampia di servizi di alto livello a prezzi concorrenziali. La nuova formula include, quindi, nel prezzo il pacchetto bevande Select Premium (soft drinks, tè e caffè, cocktails e long drinks, birra e vini al bicchiere, superalcolici), uno sconto del 30% su tutti i trattamenti benessere della Spa-Rosa, dotazioni extra in cabina (vino, frutta e cioccolata, prodotti di igiene personalizzati), invito per una cena a tema o per l’evento enogastromico speciale “Wine&Dine” proposto in esclusiva sulle navi A-Rosa, escursioni in lingua italiana prenotabili a bordo, nessun supplemento per la cabina singola su selezionate date di partenza.