Feed RSS

Archivi tag: caccia & pesca

Florida Keys, aree attrezzate per i camperisti

Inserito il

Un crescente numero di visitatori sceglie il campeggio per il proprio soggiorno alle Keys. Aree di sosta attrezzate per i camperisti sono posizionate lungo tutta la U.S. Highway 1, e le prenotazioni si concentrano da novembre fino a Pasqua.
Key Largo, prima e più grande isola delle Keys, ospita diverse strutture attrezzate anche per il campeggio con camper: tra queste il John Pennekamp Coral Reef State Park, parco subacqueo che offre 47 piazzole attrezzate per i camper. Le attività del parco includono: scuba diving, snorkeling, canoa, kayak, pesca, noleggio barche, gite su imbarcazioni dal fondo trasparente.
C’è poi il Long Key State Park, che offre sentieri per escursioni e un servizio di noleggio canoe. Presso questo campeggio è possibile portare con sé i propri cani, ma non portarli in spiaggia.

Annunci

La novità Gambia

Inserito il

Una nuova destinazione per il mercato turistico italiano sempre in cerca di novità: la Gambia, piccolo Paese dell’Africa Occidentale affacciato sull’Oceano Atlantico e per il resto confinante con il Senegal.
Un Paese con solo 1.700.000 abitanti, che da oltre 30 anni ha una legislazione attenta a uno sviluppo che salvaguardi l’ambiente locale, caratterizzato da una rigogliosa flora e una fauna che vive in libertà in sette tra parchi nazionali e riserve naturali, visitabili in fuoristrada. Un Paese sicuro, con un governo stabile eletto ogni cinque anni da una popolazione cordiale e pacifica, composta da diverse tribù, tra le quali la predominante è la Mandingo. Ora può contare su oltre 900 km di strade asfaltate e illuminate notte e giorno, un aeroporto internazionale con attrezzature di prim’ordine nella capitale Banjul, dove atterrano numerose compagnie: Brazil Airlines, Tunisair, Royal Air Maroc, Spanish Air e, da ottobre, anche un volo diretto da Monaco di Baviera con Condor.
Negli ultimi due anni insieme al nuovo logo The Gambia-The Smiling Coast of Africa, sono sorti numerosi alberghi e ora il totale è di 18.000 posti letto, di diverse categorie da 2 a 5 stelle, e altri sono in costruzione, soprattutto in strutture di alto livello e sulla spiaggia.
Da sottolineare il Makasutu Ecolodge, a Brikama, non lontano dalla capitale e sul fiume Gambia che attraversa tutto il Paese, un lodge a 5 stelle che sorge in un’area che offre cinque diversi eco-sistemi e dove sono possibili molte escursioni per conoscere la selvaggia natura che lo circonda, le danze tribali e l’artigianato, insieme alla pesca e al birdwatching. E ancora, il Bird Safari Lodge, sull’isola fluviale di Mac Carthy, nel cuore della foresta tropicale, il Tendaba Camp sulla riva del fiume, nei pressi del Kiang West National Park, amato da naturalisti e ornitologi, e il Njawara Cultural Camp nel North Bank, vicino a un villaggio noto per le musiche tradizionali e i cantastorie.
Tra le molte attività possibili sul territorio, insieme a un campo da golf a 18 buche, The Fajara Club, da ricordare il birdwatching, per osservare le 500 specie di uccelli coloratissimi presenti sul territorio, e poi la pesca sia d’altura nell’Oceano che sul fiume, navigabile per oltre 300 km sia con battelli fluviali attrezzati per le crociere che con piroghe per interessanti itinerari tra le insenature e gli affluenti del grande fiume, con soste in ristoranti tipici sulla riva. Senza dimenticare la cultura con il sito archeologico di Wassu, dove c’è la più importante concentrazione di Stone Circles risalenti al 300 a.C. e la James Jsland, ora Kunta Kinte Island, dal nome dell’eroe del celebre romanzo Radici scritto da Alex Haley, nato sull’isola dove c’è ancora la casa, visitabile.

Mauritius, il fascino di Long Beach: “the Edge of Paradise”

Eleganza raffinata, semplicità e libertà: tutto all’Hotel Long Beach, novità dei lussuosi Sun Resorts di Mauritius, situato sulla penisola di Belle Mare, lungo la costa orientale dell’isola.
Dopo due anni di lavori da circa 65 milioni di euro, Long Beach è stato inaugurato ad aprile scorso. Si tratta di un resort 5 stelle all’interno di un parco di oltre 23 ettari (con 500.000 piante di 26 specie) affacciato su sette chilometri di spiaggia bianca profonda 40 metri (la più lunga e ampia spiaggia dell’isola), vicino a un’area di bassi fondali ideali per lo snorkelling e gli sport acquatici.
Il design contemporaneo-tropicale, l’impiego di materiali locali come il legno Balau e il basalto nero, tetti di paglia di canna e arredi pastello lo rendono una struttura pensata per accogliere una clientela di ospiti attivi che apprezzano la cultura e lo stile. Un prodotto, quindi, per  clientela colta ed esigente, ma anche per famiglie, gruppi, o anche incentive di alta qualità.
Allo stesso tempo, si tratta di un resort interamente ecosostenibile, come vuole la strategia dei Sun Resorts, rispettosa dell’ambiente e delle comunità locali, che forniscono frutta verdura e pesce, e ricevono formazione.
Long Beach è composto di 255 camere, tutte vista mare e ben attrezzate: ciascuna ha a disposizione 109 metri quadrati di spiaggia. Ci sono tra l’altro camere “family-friendly” comunicanti per le famiglie, molto spaziose, con due bagni e due TV con ampia scelta di programmi, anche per ragazzi (e anche in lingua italiana).
C’è poi tutta una serie di servizi ed attività dedicate a soddisfare le esigenze di chi viaggia con bambini e non solo: due Kids Club (per Angels, da 4 a 11 anni, e Waves Teens, da 12 a 17), tre bar e cinque ristoranti di cui uno in spiaggia e quattro sulla grande piazza (Le Marchè con sette scenografiche cucine a vista e l’italiano Sapori coordinato dallo chef Moreno Cedroni, poi un ristorante giapponese e uno cinese) e per cocktail e pesce fresco ci sono anche Tides Pool e Beach Bar. 
Nel giardino intorno ad un lago naturale c’è Sea Spa, il centro benessere con hamman e 12 sale per trattamenti di cosmetologia marina, talassoterapia Thal’ion che utilizza alghe francesi.
Infine tutto per lo sport, con palestra, tennis, calcetto, tiro con l’arco, ping pong, parete per arrampicata, basket e polos, oltre tutta la varietà di mare, dalla vela al windsurf, alle gite su barche con fondo di vetro (gratuite) e poi sci nautico, immersioni, pesca d’altura.
Inoltre, condizioni particolari sono previste per l’accesso al Golf Course di Le Touessrok, sulla vicina Isola dei Cervi (Ile aux Cerfs), con navetta gratuita e da novembre anche il green gratuito.

Fino a ottobre l’Hotel Long Beach offre un prezzo di lancio di circa 196 euro per la doppia con  mezza pensione per due.

Estate a Cipro tra mare e cultura

Inserito il

Spiagge pulite, fondali ricchi di pesci, cittadine e centri balneari con animazione notturna, gastronomia rinomata, musica accattivante, siti archeologici e musei ricchi di storia accessibili fino tardi: sono queste le principali attrattive turistiche estive di Cipro, promosse sul nostro mercato dall’Ente Nazionale per il Turismo dell’isola mediterranea.

Rispetto per l’ambiente
L’organismo mondiale Foundation for Enviromental Education FEE, ha insignito quest’anno con la Bandiera Blu 56 spiagge – quasi la totalità – dell’isola, mentre l’Agenzia Europea dell’Ambiente nel rapporto 2011 ha garantito la completa balneabilità delle sue coste, da est a ovest. Vi figurano, tra l’altro, la greco-romana Paphos, con 6 Bandiere Blu,e la mondanissima Agia Napa con 14 Bandiere Blu, attribuite a litorali di sabbia fine che si alternano a hotel eleganti, residence e appartamenti in affitto, taverne, bar e ristoranti. E dove si trova il più grande parco acquatico d’Europa, Riverviews Waterworld, con scivoli, piscine, giochi e divertimenti anche per i bambini.

Escursioni guidate
Operatori locali organizzano escursioni in mare per visitare l’affascinante costiera cipriota con le sue scogliere e l’indescrivibile bellezza di Capo Greko, la spiaggia mitica di Venere, i luoghi archeologici, ma anche per esplorare i ricchi fondali e osservare i delfini al largo (dolphinboatsafari.com).
Il Nord dell’isola è un trionfo della natura, con le minuscole città che dominano dall’alto il Mediterraneo e con i villaggi di pescatori che offrono B&B e taverne per gustare pesce fresco e vino dell’isola. Qui si pratica jogging nei boschi di pini e ginepri, si raggiungono baie isolate dove vivono le tartarughe marine, o si veleggia indisturbati intorno alla Penisola di Akamas con i suoi paesini rimasti fermi nel tempo.

Gli eventi estivi
Da luglio a settembre in tutte le città e i villaggi dell’isola si svolgono manifestazioni ed eventi che coinvolgono il mondo della cultura, della musica e dell’enogastronomia.
Tra i principali avvenimenti: il Ballet Festival di Lemesos, che si è svolto a luglio con varie date nella suggestiva cornice del Garden Theatre, con la partecipazione di étoile e compagnie di danza internazionali. A Lemesos, come pure a Paphos e Lefkosia si svolge tra luglio e agosto il Festival del Teatro Greco Antico. A Paphos, la prima settimana di settembre ha luogo la manifestazione Opera con I Racconti di Hoffmann eseguiti dal Teatro dell’Opera di Praga. In tutta l’isola invece, e per tutto settembre, si svolge il Wine Festival con degustazioni gratuite delle migliori produzioni vinicole cipriote.

Nepal, l’anno del turismo

Inserito il

L’Ufficio del Turismo del Nepal (NTB) ha dichiarato il 2011 Nepal Tourism Year per promuovere la meta nel mondo e raddoppiare i visitatori internazionali, passando dagli attuali 500mila arrivi annuali a un milione. L’iniziativa prevede una serie di eventi organizzata da NTB con le ambasciate e i consolati presenti nei diversi Paesi.
Situato tra la pianura del Gange e la catena montuosa dell’Himalaya, il Nepal concentra climi e ambienti naturali diversi in circa 150 kmq: un’area montagnosa, la più estesa, è caratterizzata da otto dei 14 monti che, nel mondo, superano gli 8.000 m. Di questi, tre sono in territorio nepalese (Dhaulagiri, Annapurna, Manaslu), quattro sono condivisi con la Cina (Everest, Lhotse, Makalu, Cho Oyu) e il massiccio del Kanchenjunga con l’India. E poi una zona subtropicale lussureggiante con giungla abitata da tigri del Bengala, rinoceronti, coccodrilli, elefanti e 4.000 specie di uccelli. E ancora, un’area terrazzata tra 1.500 e 2.000 metri s.l.m., dove si coltiva il riso.
Alle attrattive naturali si aggiungono le testimonianze della grande spiritualità basata su due religioni principali – induismo e buddismo – che si fondono nelle pratiche della vita quotidiana della ospitale popolazione formata da gruppi etnici diversi amalgamati tra loro.
L’eredità culturale è concentrata nella Valle di Kathmandu, la capitale, dove sette monumenti – gli antichi palazzi reali nel centro città, due stupa buddisti (Swayambhu e Boudanath) e i templi hindu Pashupati e Changu Narayan – sono siti Unesco dal 1979.
A questi, dal 1997, è stato aggiunto Lumbini, il luogo della nascita di Buddha, meta di pellegrinaggi. Dal 1984, invece, sono Unesco Natural Heritage Site il Chitwan National Park – una regione selvaggia con un ricco ecosistema, che si puà percorrere in safari a dorso di elefante e soggiornare in lodge – e il Sagarmatha National Park, che comprende l’Everest.
Ma il Nepal, ideale meta ecoturistica, ha anche altri sette Parchi Naturali disseminati soprattutto nella zona montuosa, sei riserve per la protezione degli animali e dell’ambiente e un’unica riserva di caccia, il Dhorpatan. A queste se ne dovrebbero aggiungere altre tre segnalate al governo dall’Ufficio del Turismo. Tutte offrono la possibilità di fare sport: scalate (sia per professionisti che per semplici amanti della montagna), pesca, trekking, mountain bike, rafting, canyoning, kayaking.
Un’ampia selezione di hotel fino alle 5 stelle è offerta a Kathmandu e a Pokhara, nella regione centrale affacciata sul lago Phewa, con vista sulle vette dell’Himalaya, base di partenza per escursioni sull’Annapurna, al Seti Gorge, alle cascate Davi e alle molte grotte dei dintorni.

http://www.welcomenepal.com

In Kenya per un grande spettacolo naturale

Inserito il

Sull’onda del successo internazionale del programma “Great Migrations” trasmesso dal canale di National Geographic, e alla luce dell’alto gradimento per il Kenya, I Viaggi di Atlantide insieme al Kenya Tourist Board promuove le vacanze estive in territorio kenyota quale momento ideale per assistere alle grandi migrazioni degli animali – gnu, zebre, antilopi – che da luglio a ottobre animano la Riserva del Maasai Mara.
Nel Paese africano, che ospita più di 60 tra parchi naturali e riserve, il safari è un’emozione irripetibile: nelle sconfinate savane si assiste in diretta al ciclo naturale di nascite, caccia dei grandi predatori, lotta, accoppiamenti e l’attraversamento del fiume Mara da parte dei veri protagonisti del luogo, gli animali.
Ad affiancare l’esperienza unica del safari, il Kenya propone una serie di divertimenti:

  • svaghi e sport che includono soggiorni mare lungo il litorale, per rilassarsi sulle lunghe spiagge di sabbia bianca corallina
  • visite alle città cosmopolite a partire da Mombasa, Nairobi e Malindi
  • partite a golf nei numerosi campi da gioco a disposizione dei turisti
  • safari blu o battute di pesca nei ricchi fondali al largo della Provincia Costiera
  • qualche giorno di relax in uno degli ecolodge immersi nella natura incontaminata del Paese.

Vacanze da cow boy nei ranch degli Stati Uniti: le proposte estive firmate Alidays

Inserito il

Montana e Wyoming, questi i due stati Usa che Alidays propone per una tipologia di vacanza particolare e adatta a chi ama il contatto con la natura: il soggiorno in un ranch. 
Il tour operator ha in programmazione quattro pacchetti: due in Working Ranch e due in Dude/Guest Ranch, per assaporare lo stile di vita del vecchio West.
Il soggiorno in working ranch prevede la partecipazione a molteplici attività: lunghe passeggiate a cavallo, rafting, pesca nei torrenti e pasti all’aria aperta. Nelle strutture proposte, il Beartooth River Ranch a Belfry e il Lonesome Spur Ranch a Bridger, è possibile seguire veri programmi di lavoro partecipando, ad esempio, all’allevamento dei bovini o alla cura dei cavalli.
Per chi cerca, invece, un soggiorno più dedito al riposo, Alidays propone i guest e dude ranch nel Wyoming, il Paradise Guest Ranch a Buffalo e Goosewing Ranch a Jackson con cucina ricercata, piscina e campi da tennis, in cui è possible praticare tutte le attività all’aria aperta,‭ ‬inclusa la pesca. Tra le proposte, anche altre tipologie di strutture negli Stati dell’Idaho, South Dakota, Arizona e Texas come i cattle ranch, nei quali si può prendere parte alla transumanza delle mandrie.