Feed RSS

Archivi tag: canoa

Con Alpitour al Festival Musicale dell’Oceano Indiano

Inserito il

Bravo Club Andilana Beach - Nosy Be Madagascar

In occasione del Donia,  il Festival Musicale dell’Oceano Indiano, il Bravo Club Andilana Beach,  resort del gruppo Alpitour situato in una baia dell’isola di Nosy Bé  (Madagascar), lancia una serie di pacchetti a partire da 1.880 euro per  persona, incluso viaggio dall’Italia e pensione completa.
Giunto  alla sua 20ª edizione, il Donia è forse l’evento più importante di Nosy  Bé. Nato grazie all’impegno di alcuni amici che da anni operano  sull’isola, il Festival – che si terrà dal 10 al 19 maggio prossimi – è  cresciuto anno dopo anno, radunando nella scorsa edizione oltre 55mila  persone, non certo poche se si pensa che l’isola conta 45mila abitanti. Al  Donia, che nella lingua sakalav del nord del Madagascar significa “la  bella vita”, si affiancano numerose iniziative e attività di contorno  come incontri, dibattiti e manifestazioni sportive che arricchiscono  ancora di più la festa. L’altro protagonista di questo festival è il Carnevale Tribale che si svolge tra le strade del capoluogo Hell Ville: vero e proprio evento nell’evento caratterizzato da danze, suoni e  colori.
Il Bravo Club Andilana sorge nell’omonima baia di fronte a  due ampie spiagge. Gli ospiti hanno la possibilità di praticare  numerosi sport acquatici: a loro disposizione anche una grande piscina d’acqua dolce, canoe, campo di calcetto, beach volley, aquagym,  minigolf, diving. La struttura, su due piani, è in stile coloniale e  tutte le 200 camere sono state rinnovate.

Veratour, riapre il Veraclub Lindamar di Cayo Largo a Cuba

Inserito il

Riaprirà a partire dal prossimo mese di dicembre il resort Veraclub Lindamar di Cuba, oggetto di un piano di rinnovamento da parte del tour operator, che renderà il livello della struttura conforme agli standard degli altri prodotti presenti nell’area caraibica.
Situato a Cayo Largo, il Veraclub Lindamar viene proposto da Veratour in formula all inclusive e si compone di 53 bungalow indipendenti e completamente rinnovati, tutti fronte mare. Gli ospiti avranno a disposizione una nuova reception, un ristorante principale, bar e snack bar, una piscina e un teatro. L’équipe di animazione è composta da italiani e cubani e, durante la giornata, è possibile praticare varie attività come tiro con l’arco, acquagym e fitness. Windsurf, canoa, catamarano, beach volley e beach tennis si svolgono invece al Playa Sirena.
Al soggiorno mare è possibile abbinare uno degli itinerari proposti dal tour operator, con partenze previste dagli aeroporti di Fiumicino e Malpensa.

Florida Keys, aree attrezzate per i camperisti

Inserito il

Un crescente numero di visitatori sceglie il campeggio per il proprio soggiorno alle Keys. Aree di sosta attrezzate per i camperisti sono posizionate lungo tutta la U.S. Highway 1, e le prenotazioni si concentrano da novembre fino a Pasqua.
Key Largo, prima e più grande isola delle Keys, ospita diverse strutture attrezzate anche per il campeggio con camper: tra queste il John Pennekamp Coral Reef State Park, parco subacqueo che offre 47 piazzole attrezzate per i camper. Le attività del parco includono: scuba diving, snorkeling, canoa, kayak, pesca, noleggio barche, gite su imbarcazioni dal fondo trasparente.
C’è poi il Long Key State Park, che offre sentieri per escursioni e un servizio di noleggio canoe. Presso questo campeggio è possibile portare con sé i propri cani, ma non portarli in spiaggia.

Nepal, l’anno del turismo

Inserito il

L’Ufficio del Turismo del Nepal (NTB) ha dichiarato il 2011 Nepal Tourism Year per promuovere la meta nel mondo e raddoppiare i visitatori internazionali, passando dagli attuali 500mila arrivi annuali a un milione. L’iniziativa prevede una serie di eventi organizzata da NTB con le ambasciate e i consolati presenti nei diversi Paesi.
Situato tra la pianura del Gange e la catena montuosa dell’Himalaya, il Nepal concentra climi e ambienti naturali diversi in circa 150 kmq: un’area montagnosa, la più estesa, è caratterizzata da otto dei 14 monti che, nel mondo, superano gli 8.000 m. Di questi, tre sono in territorio nepalese (Dhaulagiri, Annapurna, Manaslu), quattro sono condivisi con la Cina (Everest, Lhotse, Makalu, Cho Oyu) e il massiccio del Kanchenjunga con l’India. E poi una zona subtropicale lussureggiante con giungla abitata da tigri del Bengala, rinoceronti, coccodrilli, elefanti e 4.000 specie di uccelli. E ancora, un’area terrazzata tra 1.500 e 2.000 metri s.l.m., dove si coltiva il riso.
Alle attrattive naturali si aggiungono le testimonianze della grande spiritualità basata su due religioni principali – induismo e buddismo – che si fondono nelle pratiche della vita quotidiana della ospitale popolazione formata da gruppi etnici diversi amalgamati tra loro.
L’eredità culturale è concentrata nella Valle di Kathmandu, la capitale, dove sette monumenti – gli antichi palazzi reali nel centro città, due stupa buddisti (Swayambhu e Boudanath) e i templi hindu Pashupati e Changu Narayan – sono siti Unesco dal 1979.
A questi, dal 1997, è stato aggiunto Lumbini, il luogo della nascita di Buddha, meta di pellegrinaggi. Dal 1984, invece, sono Unesco Natural Heritage Site il Chitwan National Park – una regione selvaggia con un ricco ecosistema, che si puà percorrere in safari a dorso di elefante e soggiornare in lodge – e il Sagarmatha National Park, che comprende l’Everest.
Ma il Nepal, ideale meta ecoturistica, ha anche altri sette Parchi Naturali disseminati soprattutto nella zona montuosa, sei riserve per la protezione degli animali e dell’ambiente e un’unica riserva di caccia, il Dhorpatan. A queste se ne dovrebbero aggiungere altre tre segnalate al governo dall’Ufficio del Turismo. Tutte offrono la possibilità di fare sport: scalate (sia per professionisti che per semplici amanti della montagna), pesca, trekking, mountain bike, rafting, canyoning, kayaking.
Un’ampia selezione di hotel fino alle 5 stelle è offerta a Kathmandu e a Pokhara, nella regione centrale affacciata sul lago Phewa, con vista sulle vette dell’Himalaya, base di partenza per escursioni sull’Annapurna, al Seti Gorge, alle cascate Davi e alle molte grotte dei dintorni.

http://www.welcomenepal.com

Polinesia in festa per l’Heiva Nui

Inserito il

L’estate è davvero unica in Polinesia con eventi di grande respiro e una natura mozzafiato, tradizioni e sport polinesiani, spiagge vulcaniche e siti archeologici. Da non perdere, l’Heiva Nui, la grande festa che anima Tahiti e le sue isole da fine giugno a fine luglio.
Ogni anno, Tahiti celebra infatti l’Heiva Nui (Heiva in Tahitiano vuol dire festa e Nui vuol dire grande): ballerini, cantanti, atleti e artigiani provenienti dai cinque arcipelaghi della Polinesia Francese si radunano sull’isola per essere parte dell’emozionante rassegna in onore della cultura polinesiana. Per un intero mese, Tahiti diventa teatro di manifestazioni sportive, fra cui Heiva va’a i Tahiti, le classiche gare di va’a (la tradizionale piroga polinesiana) e l’Heiva Tu’aro ma’ohi, caratteristiche competizioni Maohi come l’arrampicata sulle palme da cocco, il sollevamento di pietre o le corse dei portatori di frutta. Parallelamente, le scuole di canto e danza polinesiana, la tradizionale Ori Tahiti, si esibiscono durante le giornate che preparano al momento clou della grande festa: la serata delle premiazioni, che quest’anno cade il 22 luglio, durante la quale si decretano i vincitori.
Agli spettacoli dell’Heiva possono essere alternate alle tante attività ed escursioni che offre Tahiti. Il modo migliore per scoprire il cuore verde dell’isola, ad esempio, è fare trekking alla scoperta della valle di Papenoo, ricca di siti archeologici e spettacolari cascate. La scalata del monte Aorai (2.066 m) è molto piacevole e si può fare anche senza una guida. Per i fanatici del fitness, va tenuto presente però che ci sono diversi percorsi professionali di hiking e mountain climbing che durano anche diversi giorni. Gli amanti del mare, invece, possono scoprire la costa a ridosso della baia di Punaauia noleggiando un catamarano o, se neofiti, prendere delle lezioni di vela. I più intrepidi possono cimentarsi con le lezioni di canoa tradizionale polinesiana o di surf, mentre chi vuole godersi una vacanza all’insegna del relax può semplicemente assistere alle gare di surf che si tengono a Tehaupoo, sulla costa ovest di Tahiti, che ogni anno ospita i trial e le gare del Billabong Tahiti Pro.

Active Scotland, turismo all’aria aperta in Scozia

Inserito il

È cominciato The Year of Active Scotland, 12 mesi all’insegna dello sport e delle attività all’aria aperta da praticare in Scozia, con un fitto programma di proposte, eventi e festival.
Active Scotland arriva dopo il successo di Homecoming Scotland 2009, un richiamo a tutti gli scozzesi nel mondo a tornare in patria e un invito agli amanti di questa terra a recarsi in Scozia, e di The Year of Food and Drink (l’Anno dell’Enogastronomia), che celebra la ricchezza e la varietà della gastronomia scozzese, iniziativa che si concluderà il prossimo maggio. Con The Year of Active Scotland l’industria turistica locale si impegna a promuovere la vasta gamma di attività e sport all’aria aperta praticabili nella destinazione: da passeggiate lungo le coste a impegnativi trekking su terreni impervi; dal fare canoa su un lago o rafting lungo un fiume tortuoso a praticare il mountain biking con tutta la famiglia.
La Scozia offre numerose opportunità legate alla pratica di attività sportive e Active Scotland raccoglie proposte per tutte le età e abilità, e per tutto l’anno. Durante l’inverno, per esempio, la Scozia è una destinazione ideale per gli amanti dello snowboard, dell’Ice Climbing e anche dello sci, praticabile nei Cairngorms. Per gli appassionati di mountain bike le destinazioni migliori sono i Borders, Dumfires e Galloway e Fort William. Naturalmente ampio spazio viene riservato al golf, con più di 550 campi in tutto il Paese.
Tra i prossimi appuntamenti: la St. Andrews Golf Week (10-16 aprile), in programma a St. Andrews e alla quale partecipano golfisti da tutto il mondo, e The Spirit of Speyside Whisky Festival (1-10 maggio) che propone tour, degustazioni, visite alle distillerie, incontri con esperti, attività per famiglie e molto altro.