Feed RSS

Archivi tag: Dolomiti

Notte in hotel e concerto gratis: l’iniziativa del Friuli

Inserito il

Trieste

Concerti gratuiti per chi soggiorna per almeno una notte nelle strutture alberghiere convenzionate. L’iniziativa porta la firma dell’Agenzia TurismoFvg, che rinnova la promozione “Music&Live” rivolta agli appassionati di musica per favorire i flussi verso la regione.
Tra le star in programma quest’anno figurano nomi del calibro di Morcheeba, Bryan May, Goran Bregovic, Rammstein, Deep Purple, Sigur Ros, David Guetta a quelli italiani come Franco Battiato, Elio e le Storie Tese, Zucchero, Gino Paoli, Giovanni Allevi.
Il turismo musicale in Friuli Venezia Giulia sta offrendo agli appassionati nuove prospettive: è infatti possibile percorre una moltitudine di itinerari alla scoperta del territorio a suon di musica. Dalle città d’arte come Trieste, Gorizia, Pordenone e Udine, alle oasi estive di Grado e Lignano Sabbiadoro, ai paesaggi montani della Carnia, del Tarvisiano e delle Dolomiti friulane.

Annunci

Alpe di Siusi, nuove offerte per le famiglie

Inserito il

neve

L’Alpe di Siusi lancia una serie di offerte per le famiglie.
Dal 5 gennaio al 7 aprile 2013, l’offerta maestro di sci per tutta la famiglia è un’occasione per andare tutti insieme alla scoperta delle Dolomiti: si arriva il sabato e si dedica un pomeriggio allo sci; l’offerta comprende anche 7 pernottamenti, 5 giorni di skipass Val Gardena/Alpe di Siusi da sfruttare sugli oltre 175 chilometri di piste, l’utilizzo illimitato della cabinovia Alpe di Siusi e dei bus navetta, il 10% di sconto sul noleggio di sci da 5 giorni in poi. Il pacchetto, valido per 2 adulti e 1 bambino dai 3 ai 6 anni, parte da 823 euro in appartamento, ma è valido anche per una composizione famigliare diversa, a discrezione dell’alloggio.
Dal 16 marzo al 7 aprile 2013, Dolomiti Superkids prevede soggiorno e skipass in omaggio per i bimbi fino a 8 anni, e a metà prezzo per quelli dagli 8 ai 12 anni, riduzioni sul corso di sci e sul noleggio sci da 4 giorni in poi. L’offerta è valida nel rapporto 1 adulto per 1 bambino (max. 2 bambini), per una permanenza minima di 7 giorni, con sistemazione dei bambini in camera con i genitori (lettino) oppure in un appartamento con una stanza. Gratuità e riduzione sullo skipass sono abbinate all’acquisto di uno skipass per adulti. I prezzi – a partire da 623 euro in appartamento – si riferiscono a 2 adulti e 1 bambino fino a 8 anni per un soggiorno di 7 giorni incluso skipass per 6 giorni.

Al via la stagione sciistica nelle Dolomiti

E’ ripartita ieri la stagione sciistica delle Dolomiti. Ad inaugurare un inverno, che gli operatori sperano possa portare un po’ di sorriso al turismo, è stata Cortina con la pista della Faloria.
Dopo il debutto della Regna delle Dolomiti, oggi anche altri comprensori inizieranno ad accogliere gli appassionati degli sport della neve: in particolare sarà la volta delle piste dell’ampezzano, che avevano rinunciato all’apertura anticipata della scorsa settimana nonostante un primo innevamento. Numerosi i pacchetti e le promozioni già messe in campo per spingere i movimenti nelle settimane prima di Natale e c’è molta attesa sul fronte dell’incoming. Secondo le prime stime degli operatori gli arrivi dall’estero potrebbero riservare sorprese positive.

Dolomiti: dal 26 novembre via alla stagione sciistica

Inizierà il prossimo 26 novembre la stagione sciistica delle Dolomiti. In quella data apriranno infatti gran parte degli impianti dell’area grazie anche agli impianti di innevamento artificiale ormai pronti per entrare in attività. La stagione 2011/2012 proseguirà poi fino al 15 aprile.
Tra le novità di quest’anno una nuova cabinovia a Plan de Corones, che collegherà direttamente alla ferrovia della Val Pusteria, mentre sono ben nove gli impianti che hanno subito un rinnovamento. Quest’anno lo Skipass Dolomiti Superski consentirà l’utilizzo di 450 impianti per 1.200 chilometri di piste.

E’ morto Walter Bonatti, la leggenda dell’alpinismo italiano

Leggenda dell’alpinismo, è morto ieri sera a Roma per una malattia Walter Bonatti.
Guida alpina, giornalista e scrittore di fama, Bonatti aveva 81 anni. Era nato a Bergamo il 22 giugno del 1930. La salma verrà trasportata a Lecco dove sabato e domenica sarà allestita la camera ardente.
Fin da giovanissimo Bonatti si è reso protagonista di imprese alpinistiche estreme, non solo per la sua epoca ma anche per i nostri giorni. Negli anni Cinquanta ripete alcune vie classiche sulle Dolomiti e in Badile e al Monte Bianco, aperte da Detassis e da Cassin.
Risale al 1954 la sua drammatica partecipazione alla conquista del K2, membro della spedizione guidata da Ardito Desio. Un caso che si è chiuso solo nel 2007, con le conclusioni di una commissione appositamente istituita dal Cai (Club Alpino Italiano) che diede ragione a Bonatti.
E’ dell’anno successivo l’impresa che forse, più di ogni altra, gli valse un’ammirazione indiscussa del mondo alpinistico: in sei giorni scala in solitaria il pilastro sud-ovest del Petit Dru, nel gruppo del Bianco, restando in parete per sei giorni.
Nel 1961 è protagonista di una tragica impresa insieme ai due compagni di cordata Oggioni e Gallieni sul Pilone Centrale del Freney, al Monte Bianco, una cima inviolata. Dopo essersi uniti a una cordata di francesi, il maltempo trasforma l’ascensione in tragedia, e solo tre alpinisti sopravvivono.
Bonatti mette la parola fine all’attività alpinistica nel 1965 con l’apertura di una via nuova al Cervino per la parete nord in solitaria invernale.
Autore di libri di grandi successo ha pubblicato presso Baldini Castoldi “Montagne di una vita”, “In terre lontane”, “Una vita così”. Nel 2004 il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi gli ha conferito il titolo di Cavaliere di Gran Croce, onoreficenza restituita da Bonatti, che non poteva accettare che con lui venisse premiato anche Achille Compagnoni.

101 cose da fare in Italia divertendosi a costo zero: un libro tutto da leggere

Viaggiare, andare in vacanza divertendosi, e senza spendere un euro?
La risposta  è tra   i 101 i consigli che offre il divertente libro di Isa Grassano, giornalista professionista che si occupa prevalentemente di turismo e di enogastronomia, e collabora con numerose testate. Il volumetto, uscito in libreria a fine luglio, edizioni Newton e Compton si chiama “101 cose divertenti, insolite e curiose da fare gratis in Italia, almeno una volta nella vita”.
La crisi è stata ispiratrice e i suggerimenti, tantissimi, offerti dall’autrice sono tutti da tenere a mente.
Amate la natura, il verde e le passeggiate? Non c’è che l’imbarazzo della scelta.
Si possono calcare le orme del Santo Patrono di Italia sul “Cammino di Francesco” a Rieti, lungo un percorso immerso nei boschi di 800 chilometri, ed arrivare a vedere anche la casa dove suonava Lucio Battisti (originario della zona), in un misto di sacro e di profano. Oppure si può fare birdwatching nell’Oasi di Punte Alberete, Ravenna, nel parco del Delta del Po, che ricorda una “piccola Camargue”. In Sardegna, invece, da non perdere la possibilità di fotografare da vicino gli ultimi cavalli selvaggi d’Europa in Sardegna, nella Giara di Gesturi (Oristano): calpestano il terreno quasi danzassero un flamenco e l’eco dei loro zoccoli risuona a lungo, nelle orecchie.
Il mare è la vostra passione?
A Vieste si può esplorare il fondale incontaminato e ascoltare la “voce delle conchiglie”. A Cervia, si può addirittura giocare sul litorale con un aquilone, dopo aver imparato a costruire un modello originale.
Preferite la montagna?
Nello scenario spettacolare delle Dolomiti, “certificato” Unesco, al piacere della vacanza si unisce quello del viaggio con la fantasia, senza costi aggiuntivi. Un piacevole rifugio. E si chiama proprio “Un libro, un rifugio” l’appuntamento culturale che riempie le giornate da luglio a settembre, nei comuni di Corvara, Badia e La Villa.
Volete godervi tutta l’Italia?
Scegliete quella in miniatura di Rimini. Se siete nati nel periodo estivo il biglietto non si paga ed è un’ottima occasione per festeggiare il compleanno in maniera insolita, passando nel giro di qualche ora dalle gondole di Venezia, ai trulli di Alberobello