Feed RSS

Archivi tag: Farnesina

Egitto verso la stabilizzazione, il turismo può riprendere a pieno ritmo

Inserito il

Cleopatra Luxury Resort - Sharm el Sheikh

Si allenta la tensione in Egitto dopo che il presidente ad interim, Adly Mansour, ha nominato l’ex ministro delle Finanze, Hazem el-Beblawi, come nuovo premier di transizione. Un primo, sostanziale passo verso la stabilizzazione del Paese, che crea tutte le premesse per una ripresa a pieno ritmo dell’inbound internazionale, come ribadiscono i portavoce dell’ente del turismo: la tutela e la sicurezza dei turisti sono prioritarie e chi ha prenotato vacanze balneari sul Mar Rosso può partire in tutta tranquillità.
Da parte sua la Farnesina ribadisce l’assenza di elementi di criticità nelle località del Mar Rosso (Sharm, Marsa Alam, Berenice e Hurghada) e in quelle della costa Nord, come Marsa Mathrou ed El Alamein.
Sul fronte politico, inoltre, Mansour ha designato il premio Nobel per la pace, Mohamed Elbaradei, a vicepresidente con delega alle relazioni internazionali. L’Egitto ha dunque fretta di ritornare alla stabilità, come dimostra il fatto che siano già iniziate le consultazioni per la scelta della squadra che dovrà accompagnare il Paese verso le elezioni previste entro fine anno.

Viaggi in Egitto Le indicazioni della Farnesina

Inserito il

La Farnesina mantiene il livello di prudenza per il turismo in Egitto. La situazione nel Paese, protagonista anche oggi delle scene internazionali, viene monitorato dal Ministero degli Affari esteri, che attraverso il sito viaggiaresicuri.it aggiorna i turisti, sia quelli già in loco, sia gli italiani in procinto di partire per vacanze in destinazioni egiziane.
Nei principali centri di attrazione turistica, e in particolare nei resort, sia sul Mar Rosso (Sharm el Sheikh, Marsa Alam, Hurghada), sia in Alto Egitto (Luxor, Assuan), la  situazione non presenta al momento elementi di criticità tali da sconsigliare soggiorni in tali località. Si suggerisce comunque di evitare escursioni fuori dalle istallazioni turistiche e in particolare nelle città.
Nella Costa Nord, in particolare a Marsa Mathrou, come aggiunge la nota viaggiaresicuri.it, episodici scontri non hanno riguardato le zone dove sono presenti i resort turistici. Resta, invece, in vigore lo sconsiglio sui viaggi al Cairo, a Alessandria, Suez, Ismailia, Port Said e in città delta del Nilo; massima attenzione nel Nord Sinai.
E giunge dal sito ministeriale la raccomandazione di affidarsi a tour operator in grado di assicurare ottimali cornici di sicurezza, evitando viaggi singoli, o organizzati da agenzie e operatori non certificati.

Israele: le rassicurazioni del ministro del Turismo

“La sicurezza e il benessere dei visitatori è per noi prioritaria e Israele è ben preparata ad affrontare qualsiasi scenario”. A 24 ore dalle rassicurazioni sul turismo nel Paese da parte dell’ente, arriva anche il messaggio del ministro del Turismo di Israele, Stas Misezhnikov, che fa il punto sulla situazione nel Paese nel primo giorno di tregua dopo gli scontri delle ultime settimane. Misezhnikov conferma la presenza di circa 100mila visitatori in questi giorni, che proseguono nei tour previsti pur con le opportune modifiche, mentre non sono stati cancellati voli.
Alla luce di quanto sta succedendo quindi il ministro rassicura ulteriormente sulla situazione nei luoghi più frequentati dai flussi turistici e garantisce “il massimo  impegno, anche per portare avanti quello che si sta rivelando il miglior anno di sempre per il turismo”, conclude.

Tensione Israele-Palestina: le indicazioni della Farnesina

L’escalation della tensione tra Israele e Palestina ha spinto la Farnesina ad alzare la guardia, fornendo ai viaggiatori indicazioni per chi dovesse recarsi nel Paese per motivi turistici o di lavoro.
Nell’avviso pubblicato sul sito dedicato viaggiaresicuri.it il Ministero sottolinea: “Si suggerisce di attenersi scrupolosamente, durante la permanenza, alle misure cautelative indicate alla voce ‘Sicurezza’ della scheda. Si consiglia ai connazionali di registrare i dati relativi al viaggio sul sito Dove siamo nel mondo e di sottoscrivere un’assicurazione che copra anche le spese sanitarie e l’eventuale trasferimento aereo in altro Paese o il rimpatrio del malato”.
Indicazioni vengono fornite anche agli italiani che risiedono stabilmente in Israele per motivi di lavoro o affari: “Si suggerisce di segnalare la propria presenza all’Ambasciata in Tel Aviv indicando indirizzo (in loco ed in Italia) e recapiti (inclusi e-mail e numero di cellulare), nonché il periodo di permanenza nel Paese, anche ai fini dell’inserimento del piano di emergenza dell’Ambasciata e per ricevere comunicazioni di emergenza via e-mail e/o sms”.
L’avviso della Farnesina raccomanda inoltre di evitare le zone a Sud del Paese e quelle adiacenti alla striscia di Gaza, dove maggiori sono i rischi.

“In Portogallo con agenzie di viaggi e tour operator”, il consiglio della Farnesina

Inserito il

La Farnesina mette in guardia dalle prenotazioni online fai-da-te sul Portogallo, consigliando di rivolgersi alle agenzie di viaggi.
“Sono stati di recente segnalati casi di truffa da parte società di prenotazione alberghiera via internet in particolare per le regioni di Madeira e Algarve” si legge nell’avviso pubblicato sul sito viaggiaresicuri.it. Scatta, poi, la raccomandazione della Farnesina: “Si consiglia, pertanto, di affidarsi esclusivamente ad agenzie di viaggi e a tour operator di comprovata affidabilità”.

Farnesina: in Giappone soltanto con agenzie e t.o.

Inserito il

Visitare il Giappone con viaggi organizzati e con il supporto delle agenzie di viaggi: è il consiglio della Farnesina per i turisti in partenza per la destinazione del Far East.
Il Giappone sta riprendendo quota dopo la brusca frenata del 2011, ma i flussi turistici internazionali sono tenuti sotto stretta osservazione da parte delle autorità locali. Negli aeroporti e negli scali marittimi è stato, infatti, innalzato il livello dei controlli di immigrazione nei confronti dei turisti stranieri in entrata. Si segnalano, infatti, casi di blocco alla frontiera registrati di recente a danno di turisti italiani, che non sono stati in grado di fornire dettagli precisi sulle destinazioni del viaggio e o sulle prenotazioni alberghiere, o non hanno potuto esibire un biglietto di ritorno.
Per questo motivo scatta l’avvertimento online della Farnesina, che invita a  viaggiare con pacchetti dei tour operator acquistati in agenzia.

Vulcano in Islanda: prime ripercussioni sullo spazio aereo

Inserito il

L’Islanda torna a far parlare di sé per le ceneri vulcaniche. A distanza di un anno dalle eruzioni dell’Eyjafjallajokull, ora è la volta del Grimsvötn, dal cui cratere è fuoriuscita una nube di circa 20 km di altezza: per questo l’ente islandese per l’aviazione ha imposto il divieto di volo in un’area di 220 chilometri. Una nota della Farnesina sul sito viaggiaresicuri.it comunica che “in ragione delle attività eruttive del vulcano Grimsvoton, si consiglia, prima di ogni spostamento, di consultare il sito http://en.island.is/travel_and_transport/volcanic-eruption-in-iceland e di tenersi informati, attraverso i media, sulla situazione meteorologica e stradale”.
Prosegue, quindi, l’attività eruttiva e fa sentire le prime ripercussioni sul traffico aereo.
Spinta dai venti, la nube vulcanica proveniente dall’Islanda ha raggiunto i cieli della Norvegia, senza tuttavia avere grosse ripercussioni sul traffico aereo. Le previsioni indicano che arriverà sulla Scandinavia meridionale, Danimarca e la Germania settentrionale questa sera, ma non dovrebbe provocare la chiusura dello spazio aereo. Situazione abbastanza normale anche in Svezia, eccetto che per qualche possibile cancellazione dei voli provenienti dalla Scozia e Irlanda del Nord, dove 252 sono stati annullati a causa del passaggio della nube. Durante la giornata la diffusione delle ceneri si è concentrata sulle aree della Norvegia meridionale e sul Sud della Svezia. Le autorità di Copenaghen hanno chiuso lo spazio aereo nordoccidentale danese (dove non ci sono aeroporti) a un’altezza inferiore ai 6 mila metri. Secondo le ultime analisi, il percorso dovrebbe portare la nuvola di cenere a concentrarsi sopra la Finlandia mercoledì mattina.
Per la giornata odierna sono stati cancellati esclusivamente i voli tra Londra e la Scozia. La decisione è stata presa da British Airways e Klm, che ha annullato i collegamenti verso la Gran Bretagna dall’Olanda. Si segnalano, possibili cancellazioni dei voli in arrivo e in partenza dagli aeroporti di Glasgow, Edimburgo, Prestwick, Newcastle, Carlisle, Durham e Cumbernauld. L’Enac, attraverso una nota, informa che sta seguendo “costantemente l’evolversi della posizione della nube di ceneri vulcaniche che si è formata a seguito dell’attività del vulcano, tenendosi in stretto contatto con le altre istituzioni preposte”. Se l’eruzione del vulcano proseguirà con la stessa intensità, la nuvola potrebbe raggiungere giovedì la zona ovest dello spazio aereo francese e il nord della Spagna. Intanto, secondo quanto riferiscono fonti di Bruxelles, la Commissione europea ha già avviato contatti con i ministri dei Trasporti per pianificare una stategia comune.