Feed RSS

Archivi tag: fiumi

Il ‘Treno della Fine del Mondo’, novità King Holidays per la Patagonia

Inserito il

Patagonia in versioni inedite nella nuova programmazione Sud America di King Holidays; il tour operator propone un catalogo dedicato interamente alla destinazione, con Cile e Argentina.
Le formule spaziano dai tour di gruppo ai circuiti individuali avventurosi, con la presenza di autisti e guide esperte. Tra le proposte più nuove, il viaggio sul “Treno della Fine del Mondo”, lungo un percorso che dura circa 2 ore e che permette di osservare un accampamento aborigeno Yamanà, la cascata della Macarena, i canyon, le vallate, i fiumi e le montagne del Parco nazionale della Terra del Fuoco. Inoltre, il tour consente di  conoscere la penisola di Valdes, con il suo ecosistema entrato a far parte del patrimonio Unesco.
“Cile, Nord, laghi e Patagonia” è, invece, il tour di gruppo principale, di 14 giorni, che parte dall’estremo Nord con il deserto dell’Atacama per terminare con la Terra del Fuoco.
Disponibile anche un tour con partenze individuali giornaliere che abbina la visita del Cile con l’Isola di Pasqua.
Il Gran Tour Argentina, di gruppo e a date fisse, offre invece una panoramica completa del Paese: Buenos Aires, le cascate di Iguaçu, la penisola di Valdés, El Calafate con il celebre ghiacciaio Perito Moreno e Ushuaia, porta d’accesso per la Terra del Fuoco. Il viaggio dura 15 giorni.

Gioco Viaggi, crociere su Danubio e Reno le proposte per Natale

Inserito il

Danubio e Reno per le crociere fluviali natalizie proposte da Gioco Viaggi. Due gli itinerari previsti dal tour & cruise operator, entrambi della durata di una settimana.
‘Natale sul Danubio’, sulla Amadeus Diamond o sulla Royal, è la crociera in partenza il 22 dicembre con soste a Passau, Linz, Melk, Dürnstein, Vienna, Bratislava e Grein.
Anche ‘Natale sul Reno’, con 7 pernottamenti sulla Amadeus Princess, parte il 22 dicembre con tappe a Colonia, Coblenza, Rüdesheim, Spira, Strasburgo, Magonza e Colonia.

Northern Territory: un eco tour alla scoperta del cuore dell’Australia

Il modo migliore per godere degli immensi spazi, dei panorami mozzafiato e della natura selvaggia del Northern Territory è attraverso un turismo votato al rispetto di queste oasi di natura incontaminata.
La regione ospita il vero outback australiano, l’ultimo dei misteri svelati. La terra aborigena di Arnhem Land, vasta all’incirca quanto il nord Italia, si trova nel parte settentrionale del Northern Territory ed è racchiusa tra il parco di Kakadu, il Mare di Arafura e il Golfo di Carpentaria. Questa è una delle zone più intatte e selvagge di tutto il nostro pianeta; la popolazione, esigua, è per lo più aborigena e la loro cultura e le loro tradizioni sono rimaste praticamente immutate nel corso del tempo. Il paesaggio è contraddistinto da bellissimi tratti di costa, isole deserte, fiumi ricchi di pesci, formazioni rocciose, foreste pluviali e savana erbosa.
L’Outback ha una storia degna di menzione e per esplorarlo e percepire appieno tutte le sensazioni, il modo migliore è quello di immergersi completamente in questo territorio incontaminato e scegliere resort eco-friendly, campeggi e campi tendati. Nel Northern Territory il rispetto del territorio è un tema molto sentito e innumerevoli lodge sono stati costruiti in totale sintonia con l’ambiente circostante.

Crociere fluviali in Myanmar

Orient-Express ha messo in cantiere una nuova nave fluviale per avviare un programma di crociere in Myanmar.
L’unità, che sarà operativa da luglio 2013, è attualmente in costruzione a Yangon e sarà in grado di ospitare sino a 50 passeggeri. La nave di Orient-Express disporrà di 25 cabine tutte esterne, dislocate su 4 ponti: due Balcony Suite 15 State e 8 Deluxe Cabin, dotate di aria condizionata. Sono previsti anche un centro fitness e un’area wellness, ristorante e boutique. La nuova unità integrerà le altre due proprietà in Myanmar di Orient-Express Hotels: The Governor’s Residence (hotel di 48 stanze a Yangon) e Road to Mandalay.
Si chiamerà “Orcaella” e effettuerà itinerari di 7 o 11 giorni nei periodi compresi tra gennaio e aprile e tra luglio e dicembre, solcando l’Ayeyarwady tra Yangon e Bhamo con tappe in città e luoghi culturali. Diversi gli itinerari, combinabili anche con soggiorni a Yangon, Inle Lake o Ngapali, sull’Oceano Indiano.

Gioco Viaggi rilancia le crociere fluviali per l’autunno

Inserito il

Visitare l’Europa da una prospettiva diversa, quella dei fiumi che l’attraversano. Gioco Viaggi rilancia così le crociere fluviali, con una programmazione autunnale tra settembre e novembre a bordo delle navi della flotta Lüftner Cruises. Due le proposte su cui si focalizza l’operatore: “Valle del Reno” o “Bel Danubio”.
La prima prevede partenze da Amsterdam, con la nave Amadeus Princess e tappe a Volendam, Düsseldorf, Colonia, Coblenza Rüdesheim, Mannheim, Spira, Strasburgo e arrivo a Basilea.
Per la seconda proposta ci si sposta nell’Est Europa con la nave Amadeus Royal e un tour che parte e si conclude a Passau, toccando città come Vienna, Budapest, Kalocsa, Esztergom, Bratislava e Melk.

A Pasqua con Top Cruises: la Magia del Reno a bordo di Swiss Crystal

Inserito il

Offerta imperdibile per chi vuole passare una Pasqua diversa dalle altre: in esclusiva Top Cruises  è prevista una partenza speciale a bordo della Ms Swiss Crystal per lasciarsi incantare dalle atmosfere magiche che la navigazione sul Reno sa regalare.
Il salone panoramico di questa nave è il più bello fra quelli proposti dai tratti fluviali e dispone di un ampio ristorante e di una fornitissima biblioteca, per rimanere sempre in contatto con la cultura e  fare approfondimenti sulle tappe toccate durante il viaggio. Le cabine sono tutte esterne e dotate di ogni comodità e fra la vasca idromassaggio e la sauna, con relax assicurato!
Il tour parte da Strasburgo, prosegue verso Rüdesheim, dove sarà possibile visitare diversi percorsi viticoli, percorrendo la romantica valle del Reno e passando accanto alla celebre roccia di Loreley. Continua la navigazione verso Spira-Heidelberg, con la possibilità di una gita al castello e alla città vecchia di Heidelberg. Ultima tappa è il “Crocevia d’Europa”, ossia Strasburgo, per poi tornare in Italia con pullman GT.
Partenza il 6 aprile 2012, 4 giorni/3 notti, quote a partire da 390 euro a persona in pensione completa (volo dall’Italia, quota d’iscrizione, bevande, escursioni e assicurazione esclusi).

Quattro nuovi itinerari europei nel 2012 di Holland America

Inserito il

Sono quattro i nuovi itinerari che Holland America Line effettuerà nell’estate del 2012 tra il Nord Europa e il Mediterraneo, dove la compagnia posizionerà sette navi: Eurodam, Maasdam, Nieuw Amsterdam, Noordam, Prinsendam, Rotterdam e Ryndam, per un totale di 103 partenze e un totale di 44 itinerari.
Gli itinerari del 2012 vedono protagoniste destinazioni come Durress in Albania, Fowey in Inghilterra, Eidford, Kirkens e Ulvik in Norvegia. Tra i nuovi itinerari anche uno che avrà per protagonista l’Italia e sarà denominato “Impero Veneziano”: un tour da 14 giorni operato dalla Prinsedam con partenza e arrivo da Civitavecchia e passaggio nei porti di Sorrento, Gallipoli, Ravenna e Venezia.
Inoltre, gli itinerari Holland America “Europa 2012” daranno la possibilità ai clienti di essere tra i primi ad attraversare il Circolo polare artico, il canale di Kiel o di navigare l’estuario della Gironda fino a Bordeaux, visitare la Terra Santa, le piramidi di Giza o di immergersi nella Laguna Blu in Islanda.

La novità Gambia

Inserito il

Una nuova destinazione per il mercato turistico italiano sempre in cerca di novità: la Gambia, piccolo Paese dell’Africa Occidentale affacciato sull’Oceano Atlantico e per il resto confinante con il Senegal.
Un Paese con solo 1.700.000 abitanti, che da oltre 30 anni ha una legislazione attenta a uno sviluppo che salvaguardi l’ambiente locale, caratterizzato da una rigogliosa flora e una fauna che vive in libertà in sette tra parchi nazionali e riserve naturali, visitabili in fuoristrada. Un Paese sicuro, con un governo stabile eletto ogni cinque anni da una popolazione cordiale e pacifica, composta da diverse tribù, tra le quali la predominante è la Mandingo. Ora può contare su oltre 900 km di strade asfaltate e illuminate notte e giorno, un aeroporto internazionale con attrezzature di prim’ordine nella capitale Banjul, dove atterrano numerose compagnie: Brazil Airlines, Tunisair, Royal Air Maroc, Spanish Air e, da ottobre, anche un volo diretto da Monaco di Baviera con Condor.
Negli ultimi due anni insieme al nuovo logo The Gambia-The Smiling Coast of Africa, sono sorti numerosi alberghi e ora il totale è di 18.000 posti letto, di diverse categorie da 2 a 5 stelle, e altri sono in costruzione, soprattutto in strutture di alto livello e sulla spiaggia.
Da sottolineare il Makasutu Ecolodge, a Brikama, non lontano dalla capitale e sul fiume Gambia che attraversa tutto il Paese, un lodge a 5 stelle che sorge in un’area che offre cinque diversi eco-sistemi e dove sono possibili molte escursioni per conoscere la selvaggia natura che lo circonda, le danze tribali e l’artigianato, insieme alla pesca e al birdwatching. E ancora, il Bird Safari Lodge, sull’isola fluviale di Mac Carthy, nel cuore della foresta tropicale, il Tendaba Camp sulla riva del fiume, nei pressi del Kiang West National Park, amato da naturalisti e ornitologi, e il Njawara Cultural Camp nel North Bank, vicino a un villaggio noto per le musiche tradizionali e i cantastorie.
Tra le molte attività possibili sul territorio, insieme a un campo da golf a 18 buche, The Fajara Club, da ricordare il birdwatching, per osservare le 500 specie di uccelli coloratissimi presenti sul territorio, e poi la pesca sia d’altura nell’Oceano che sul fiume, navigabile per oltre 300 km sia con battelli fluviali attrezzati per le crociere che con piroghe per interessanti itinerari tra le insenature e gli affluenti del grande fiume, con soste in ristoranti tipici sulla riva. Senza dimenticare la cultura con il sito archeologico di Wassu, dove c’è la più importante concentrazione di Stone Circles risalenti al 300 a.C. e la James Jsland, ora Kunta Kinte Island, dal nome dell’eroe del celebre romanzo Radici scritto da Alex Haley, nato sull’isola dove c’è ancora la casa, visitabile.

La foresta amazzonica fra le Sette Meraviglie Naturali del Mondo

Le Sette nuove Meraviglie Naturali del Mondo sono state ufficializzate. Incoronate dagli utenti di internet, ecco le vincitrici: la foresta amazzonica, che ha diviso la sua candidatura tra diversi Paesi dell’America Latina (tra cui Bolivia, Brasile, Colombia, Ecuador, Guyana, Guyana Francese, Perù, Suriname e Venezuela), la baia di Halong (Vietnam), le cascate di Iguazù (a cavallo fra Argentina e Brasile), l’isola di Jeju (Corea del Sud), l’isola di Komodo (Indonesia), il fiume sotterraneo di Puerto Princesa (Filippine) e infine la Table Mountain (Sudafrica).
A seguito dell’elezione della foresta amazzonica tra le Sette Meraviglie Naturali del Mondo, PromPerú annuncia che da gennaio 2012 metterà in atto un piano ad hoc volto alla promozione del turismo nel dipartimento di Loreto e ad un piano di sviluppo del Rio delle Amazzoni e della foresta amazzonica per i prossimi anni, al fine di valorizzare, far conoscere al mondo intero e sfruttare le risorse di questa zona nel nord del Perù. Il prossimo passo è proprio quello di migliorare la connettività dei voli internazionali in arrivo ad Iquitos, principale hub della regione di Loreto, entro luglio del 2012.

Amburgo verde e bella

Inserito il

Amburgo è la città più verde d’Europa con parchi, foreste, riserve naturali e acque sul 25% della superficie. È bella anche la periferia, vicina al Mare del Nord e Baltico con le molte opportunità di svago. Amburgo è anche una delle poche metropoli (due milioni e mezzo di abitanti) che contiene un proprio parco naturale – l’Hamburg Wadden Sea sarà presto nella lista dei siti UNESCO – e perfino 31 riserve naturali.

Leader nel trasporto sostenibile
Amburgo offre varie opzioni di sightseeing ecocompatibili: con la S-Bahn, la ferrovia veloce a energia elettrica verde, derivata dall’acqua e con le 1.500 biciclette rosse, le StadtRAD, che si affittano in più di 100 punti della città. Amburgo si può anche scoprire dal lago Alste, nel cuore della città, con le prime navi passeggeri a idrogeno: le FSC Alsterwasser a zero emissioni scivolano silenziose sull’acqua offrendo la vista dei piccoli parchi e delle casette bianche di Amburgo. E per chi ama il mangiar sano e i prodotti biologici c’è l’imbarazzo della scelta tra innumerevoli ristoranti, cafè e negozi specializzati, anche in abbigliamento e mobili a basso impatto, eco-friendly e di design innovativo.

Eco-made in Hamburg
Gli hotel eco sostenibili ad Amburgo sono in tutte le categorie: come il 5 stelle lusso Sofitel Hamburg Alter Wall Hotel, il 4 stelle superiore Madison Hotel Hamburg e il 3 stelle Okotel Hamburg. Il Radisson Blu è stato il primo con la certificazione ambientale ISO 14001, a febbraio 2012 l’avrà anche lo Scandic Emporio Hamburg. Anche il viaggio verso Amburgo ha opzioni eco-friendly: l’ente del turismo Hamburg Tourismus GmbH offre con Deutsche Bahn un Umwetl-Plus Ticket, sull’Intercity Express a zero CO2. Deutsches Bahn ricava energia elettrica da impianti idrici e dal sistema di elettricità rigenerata con il metodo Renewable Energy Generation Certificate, secondo i criteri del manuale TÜV Süd.

European Green Capital 2011
Con il suo programma di protezione del clima, tra l’altro, Amburgo ha ottenuto dall’Unione Europea il titolo di European Green Capital 2011. Nonostante il porto in continua crescita e l’importante hub industriale la città ha ridotto le emissioni di CO2 del 15% dal 1990, arriverà al 40% entro il 2020 e per il 2050 addirittura all’80%. Come sia possibile raggiungere tali risultati Amburgo lo spiega nell’Info Pavillion della stazione ferroviaria centrale, e ci sono anche gli eco tour guidati a orario fisso, per comprendere i sistemi di protezione ambientale e per scoprire il cuore verde della città.

Arrivi record
Anche così Amburgo attrae sempre più visitatori. Le statistiche del North Germany riportano arrivi in aumento del 9,3% tra gennaio e aprile rispetto al primo quadrimestre del 2010, e più 10,7% i pernottamenti, in tutto 2,7 milioni. Il 2011 si annuncia un anno record per Amburgo, dopo un aumento del 18% delle presenze internazionali (sempre tra gennaio e aprile) che sono arrivate al 25% del totale: in testa inglesi, danesi, svizzeri, austriaci e visitatori americani.