Feed RSS

Archivi tag: Giappone

Palermo wedding destination, nasce il progetto “I Do”

Inserito il

amore - love

Palermo si presenta come location per le coppie di sposi. L’Authority del turismo della città siciliana, infatti, ha lanciato in questi giorni “Palermo I Do”, un progetto dedicato al segmento wedding tourism e rivolto in particolare al mercato giapponese, americano ed europeo.
Il progetto è rivolto a quelle coppie che decidono di celebrare il rito in una città diversa da quella di residenza. Il Comune dà, infatti, la possibilità di vivere il giorno più importante della vita dei futuri sposi in una delle tante location di prestigio che offre il capoluogo siciliano. Oltre alle due sedi preposte per la celebrazione di matrimoni civili, i locali della Real Fonderia e la Chiesa di San Mattia di prossima apertura, infatti, la coppia potrà sceglierne di inedite. Inoltre, la coppia potrà piantare un albero nel Parco della Favorita, nell’area attrezzata del Piazzale dei Matrimoni: il Comune di Palermo sottoscriverà con i due sposi un ‘contratto di adozione’, con cui si impegna a fornire ogni anno foto e informazioni sullo status dell’albero.
L’iniziativa, oltre ad attrarre un turismo di fascia alta verso il capoluogo siciliano, punta a stimolare un rapporto di fidelizzazione fra la coppia e la città.

Annunci

Giappone, Cina e Tibet a date garantite nell’estate di Mistral Tour

Inserito il

Muraglia Cinese - Cina

Una stagione per scoprire l’Estremo Oriente: Mistral Tour, del consorzio Quality Group, annuncia una serie di itinerari per Giappone, Cina e Tibet con partenze a date fisse e garantite tra luglio e agosto. I tour prevedono tutti guide locali parlanti italiano.
Tra le proposte, “Giappone classico”, un tour di 9 giorni che tocca tutte le principali tappe del Paese: Tokyo, Kyoto, il Monte Fujiyama, l’isola di Miyajima, Osaka. Per gli spostamenti, il tour operator utilizza in questo itinerario l’efficiente rete di trasporti pubblica giapponese, con bus, metro e treni. “Panorama giapponese” comprende invece 14 notti e permette di scoprire sia gli aspetti più tradizionali del Paese che quelli più tecnologici.
Per la Cina sono disponibili invece 3 soluzioni: “Triangolo imperiale” (9 giorni tra Pechino, Xi’An e Shangai), “Cina millenaria” (15 giorni, progettato per chi ha già avuto modo di visitare il Paese del Dragone e vuole approfondirne la conoscenza con ulteriori dettagli) e “Cina classica” (15 giorni tra tocca Pechino, Shangai, Xi’An, Suzhou, Guilin, Wuzhen, Canton e Hong Kong).
Tra le proposte più insolite, i 15 giorni alla scoperta del Tibet, con una selezione dei luoghi e dei paesaggi più suggestivi del ‘tetto del mondo’.

Un ristorante ispirato a “Suspiria”: Tokyo rende omaggio a Dario Argento

Inserito il

Suspiria - Dario Argento

Ordinare la propria cena tra locali che ricordano l’accademia di danza di Friburgo raccontata nel classico horror di Dario Argento, “Suspiria”.
Può capitare a Tokyo, dove alcuni ristoratori hanno deciso di arredare le proprie sale richiamando le atmosfere del celebre masterpiece made in Italy. Anche un classico del cinema italiano come “Suspiria”, del resto, può diventare un promemoria per il mercato giapponese. E anche un richiamo per gli italiani che vogliono visitare l’estremo oriente.
La moda di allestire locali pubblici e ristoranti ricalcando celebri film sta ormai prendendo piede in Giappone: da “Kill Bill” di Quentin Tarantino fino a “Jekyll & Hyde”, sono molte le pellicole che hanno dato ispirazione a imprenditori di vario genere.

Asia. Cosa fare in aeroporto durante un lungo scalo?

Inserito il

Incheon International Airport

Avete in programma un viaggio che prevede uno scalo in Asia e non avete voglia di rimanere in aeroporto? Forse non lo sapete, ma ci sono molte cose da fare durante quelle interminabili ore per evitare di passeggiare annoiati tra negozi ormai uguali in tutto il mondo o di mangiare in ristoranti dai prezzi ingiustificatamente elevati.

Corea del Sud. Incheon International Airport
Si tratta dell’aeroporto più grande dello Stato a circa 50 chilometri da Seoul. Al piano seminterrato ospita un accogliente centro termale a cui si può accedere con un biglietto di soli 13 euro. Vasche di acqua calda e fredda, saune e bagni di vapore per alleviare la tensione muscolare accumulata durante il volo.

Giappone. Narita International Airport
Se lo scalo previsto in questo aeroporto è di più di tre ore, potete prendere in Narita Express, che in soli 10 minuti vi porterà a scoprire Narita. La città è ricca di negozi, ristoranti e templi buddisti da visitare, come il Naritasan, il meno turistico. Potrete immergervi per qualche ora nell’atmosfera giapponese e godere del suo straordinario cibo spendendo pochi yen.

Bangkok. Suvarnabhumi Airport
Al primo piano c’è una caffetteria frequentata dal personale aeroportuale molto più conveniente rispetto agli altri bar. È organizzata come i punti di ristoro tipici delle stazioni dei bus thailandesi, con bancarelle che vendono ogni tipo di cibo asiatico. Per usufruirne è necessario acquistare prima i coupon alla cassa.

Singapore. Changi Airport
Anche qui, come a Bangkok, ci si può dedicare alla buona cucina. Numerose bancarelle ambulanti propongono specialità indiane, cinesi e malesi, così da poter fare un gustoso viaggio anche senza lasciare l’aeroporto. Vengono organizzati anche feste culturali, che coinvolgono i viaggiatori in transito. Il 10 febbraio 2013, ad esempio, si è svolta la festa del nuovo anno lunare, tra musica, arte e, naturalmente, cibo.

Alta velocità ferroviaria: il Giappone sfida la soglia dei 500 chilometri orari

Inserito il

treno maglev - alta velocità ferroviaria

L‘Alta velocità ferroviaria ha una nuova frontiera, 500 chilometri all’ora. Per vedere in servizio i nuovi treni superveloci bisognerà però attendere più di 10 anni, ma i test sono già iniziati. Come testimonia il video pubblicato su Corriere.it, in Giappone è partita la corsa verso nuovi orizzonti, avveniristici e futuristici. Niente binari e niente ruote, ma levitazione magnetica, aerodinamica aggressiva e 5 carrozze in totale.
I primi collegamenti si terranno tra Tokyo e Nagoya, passando dagli attuali 90 a 40 minuti. Obiettivo battere la Cina, che ha già messo in funzione un treno a levitazione magnetica, con velocità massima 428 chilometri orari.

L’Italian way of life attira i mercati emergenti

Inserito il

Lifestyle, arte, shopping, enogastronomia: gli asset fondamentali del prodotto Italia ritornano nel monitoraggio effettuato dall’Enit sui mercati emergenti e appena pubblicato sulla rivista dell’agenzia.
In Giappone, il Paese è apprezzato per arte, storia, enogastronomia e moda. Le tappe da non perdere sono Roma, Firenze, Venezia, Napoli e Milano ma i repeater vengono anche per assistere a spettacoli lirici e festival musicali. Diverso l’appeal sui turisti russi, che amano il lifesyle più che la cultura: anche qui,le mete classiche sono Roma, Firenze, Venezia, Milano e Napoli ma c’è interesse anche per Sicilia e Calabria, sulla quale lamentano, però, la mancanza di collegamenti diretti.
Dai sondaggi effettuati fra i maggiori tour operator cinesi l’Italia è amata per l’arte, la moda, lo shopping: le mete preferite restano sempre le città d’arte: Firenze, Pisa, Venezia, Milano, Napoli ma soprattutto Roma. Sul mercato indiano, invece, l’Italia rappresenta il sogno da realizzare almeno una volta nella vita. Nel caso di questo bacino, mentre il viaggiatore medio guarda alle grandi città d’arte, i turisti di livello alto vanno alla scoperta di mete inesplorate.
Brasile e Argentina sono, infine, mercati in grande crescita, ma il prodotto, secondo Enit, va svecchiato.

Tokyo, la stagione dei ciliegi anticipa la primavera

Inserito il

fioritura ciliegi Giappone - Cerry Blossom TokyoMai così presto per il “Cherry Blossom” a Tokyo. La stagione dei ciliegi brucia le tappe quest’anno: ha infatti preso il via il 16 marzo, anticipando la data dell’equinozio di primavera.
La fioritura dei ciliegi è un evento molto atteso e seguito in Giappone e, di fatto, apre anche la stagione turistica del Sol Levante. I mesi primaverili sono i migliori per visitare il Paese grazie alle temperature miti e il clima gradevole.