Feed RSS

Archivi tag: Giappone

Kuoni Best Tours e Alitalia: ripartono le VoloVacanze

Inserito il

New York

Prende il via la partnership tra Kuoni-Best Tours e Alitalia per la nuova edizione delle VoloVacanze. Si tratta di proposte volo+hotel in Italia e nel mondo che propongono ai clienti una serie di strutture alberghiere selezionate dai due operatori. Le tariffe messe in campo saranno valide esclusivamente per le prenotazioni effettuate nel mese di marzo valide per partenze da aprile a giugno.
Per quanto riguarda Best Tours le destinazioni coinvolte nell’iniziativa sono Malta, Atene, Istanbul, Il Cairo, Casablanca e Abu Dhabi. Si focalizzano sul lungo raggio invece le proposte targate Kuoni Italia sempre in collaborazione con il vettore, con pacchetti concentrati su Nord e Sud America e sul Giappone.

Annunci

Mistral Tour in Giappone e Corea del Sud

Inserito il

Giappone - Tokyo

Viaggi di gruppo in esclusiva con partenze garantite ogni settimana nel nuovo catalogo “Giappone e Corea del Sud” di Mistral Tour, operatore del consorzio Quality Group.
Perle partenze individuali, la grande novità è il tour “Giappone in italiano” di 9 giorni, che tocca Tokyo, Kyoto e Kansai ma che prevede un assistente locale in lingua italiana per i trasferimenti in arrivo e in partenza e durante le visite principali. Il viaggio di gruppo più gettonato con guide in italiano e partenze garantite è “Panorama Giapponese” di 14 giorni, che tocca Tokyo, Shizuoka, Kyoto, Miyajima, Osaka, Kanazawa, Takayama e Nara (quote da 3.650 euro a persona, con volo a/r dall’Italia).
Dal Giappone è possibile effettuare una estensione in Corea di 7 giorni. Mistral Tour propone anche un self drive nell’isola meridionale di Kyushu e nell’isola settentrionale di Hokkaido, terra di vulcani attivi, laghi e onsen, le terme giapponesi all’aperto.
Anche per il Giappone Mistral Tour applica la formula del blocco dell’adeguamento valutario al momento della conferma del viaggio e offre l’opportunità di annullare il viaggio anche all’ultimo momento con rimborso dell’intera quota versata, escluso un rimborso spese del 5-15%.

Alidays investe sul Giappone, new entry della programmazione

Inserito il

Giappone - Tokyo

Alidays amplia il portafoglio delle destinazioni con il Giappone. Il Paese dell’Estremo Oriente viene proposto con viaggi su misura in libertà modulabili online in tempo reale.
Innovative sono le proposte Fly&Train, per viaggiare a bordo dei Japan Rail: pacchetto di 14 giorni che tocca Tokyo, Hakone, Kyoto, Hiroshima, Miajuma e Osaka. Per conoscere le sfaccettature del Paese, “Essenze Giapponesi” è il tour classico che assomma modernità e tradizione. Il “Giappone Sulle Orme dei Samurai” è invece un viaggio nel passato e tra le fioriture di ciliegi. Ma oltre a cultura, tradizioni e natura, c’è anche la gastronomia con la proposta “Assaggi di Giappone”, un breve soggiorno a Tokyo per scoprire le specialità del Paese che ospita un numero di cuochi stellati tra i più elevati al mondo.
Le proposte sono studiate in linea con le caratteristiche del Paese: viaggi combinabili, tour guidati e estensioni mare. Punto di forza della programmazione Giappone è l’approccio tailor made, con viaggi creati in base alle esigenze dei clienti, con un prospettiva che non si concentra solo sulla destinazione, ma sulle motivazioni che spingono il viaggiatore.

Il Giappone prepara maglev, il treno a 480 km orari

Inserito il

treno maglev - alta velocità ferroviaria

È stato presentato in Giappone il prototipo della nuova generazione di treni ad alta velocità a levitazione magnetica, progettato per operare a una velocità di crociera  di oltre 310 miglia l’ora, come dire 480 chilometri orari.
È la  Serie L0 maglev (magnetic levitation): 28 metri di motrice – quasi 15  per formarne l’aerodinamico “naso” – con posto per 24 poltrone. L’intero  convoglio avrà 16 vagoni per portare un totale di 1.000 passeggeri.  Disegnato da JR Tokai, di Central Japan Railway Co., che lo definisce  molto meno inquinante dell’aereo, il nuovo treno dovrebbe entrare in  linea nel 2027 per collegare la stazione Shinagawa di Tokyo con Nagoya,  una tratta che l’attuale Shinkansen, il famoso bullet train, copre in 90  minuti, e che con il nuovo maglev ne richiederà circa 40. L’obiettivo è  di estendere la linea fino a Osaka entro il 2045, con una spesa totale  di oltre 8mila miliardi di yen (circa 64 miliardi di euro).
L’altissima  velocità è consentita dal fatto che il treno sarà privo di ruote,  evitando così ogni attrito, e qualsiasi sobbalzo, grazie alla trazione  elettromagnetica, senza sfiorare il suo monobinario. La casa costruttrice ha annunciato il raddoppio della sua pista sperimentale a Tsuru, per svolgervi i prossimi test su un percorso di oltre 41  chilometri.
Il Giappone sarà il primo Paese a costruire su larga  scala linee ferroviarie “maglev”, con l’intento dichiarato di esportarne  la tecnologia, una volta perfezionata. L’Alta Velocità ferroviaria  giapponese, con i primi studi avviati negli anni ’60, è ritenuta ancora  all’avanguardia nel settore. Ma un treno maglev già opera a Shanghai, in  Cina.

A Venezia il primo Sukhoi Superjet 100

Inserito il

Atterrato a Venezia il primo Sukhoi Superjet 100, che verrà completato negli stabilimenti di SuperJet International del capoluogo veneto.
L’aeromobile verrà consegnato all’aerolinea messicana Interjet. La macchina è al momento in configurazione ‘green’, ovvero senza gli interni utilizzati dai passeggeri e non verniciato nei colori della compagnia aerea.
SuperJet International, joint venture tra Alenia Aermacchi (51 per cento) e Sukhoi Holding (49 per cento), si occupa tra le varie attività anche del completamento e della consegna dei Sukhoi Superjet 100 alle compagnie aeree clienti di Europa, Nord e Sud America, Africa, Giappone e Oceania. I lavori di allestimento, personalizzazione e verniciatura dei velivoli della aerolinea messicana Interjet saranno eseguiti negli hangar di Tessera.
Interjet rappresenta il primo cliente del SSJ100 nel mercato occidentale. L’aerolinea messicana ha firmato un contratto per l’acquisto di 20 velivoli Sukhoi Superjet 100 con una configurazione da 93 posti. SuperJet International prevede di ultimare e consegnare il primo velivolo ad Interjet a marzo 2013.

Farnesina: in Giappone soltanto con agenzie e t.o.

Inserito il

Visitare il Giappone con viaggi organizzati e con il supporto delle agenzie di viaggi: è il consiglio della Farnesina per i turisti in partenza per la destinazione del Far East.
Il Giappone sta riprendendo quota dopo la brusca frenata del 2011, ma i flussi turistici internazionali sono tenuti sotto stretta osservazione da parte delle autorità locali. Negli aeroporti e negli scali marittimi è stato, infatti, innalzato il livello dei controlli di immigrazione nei confronti dei turisti stranieri in entrata. Si segnalano, infatti, casi di blocco alla frontiera registrati di recente a danno di turisti italiani, che non sono stati in grado di fornire dettagli precisi sulle destinazioni del viaggio e o sulle prenotazioni alberghiere, o non hanno potuto esibire un biglietto di ritorno.
Per questo motivo scatta l’avvertimento online della Farnesina, che invita a  viaggiare con pacchetti dei tour operator acquistati in agenzia.

Il Fado entra a far parte dell’UNESCO

Il Fado entra a far parte del Patrimonio Culturale Immateriale dell’UNESCO. Il comitato intergovernativo per la Salvaguardia del patrimonio Immateriale ha decretato l’ingresso di cinque nuovi elementi nella lista rappresentativa del Patrimonio culturale immateriale dell’Umanità: il rituale della coltivazione del riso Mibu no Hana Taue e la danza sacra Sada Shin Noh (Giappone), le pratiche culturali e le espressioni legate allo strumento del Balafon (Mali e Burkina Faso), la musica Mariachi (Messico) e il Fado, genere musicale popolare nato sulle strade di Lisbona negli anni ’20 dell’Ottocento.
Ci sono due generi diversi, il fado di Lisbona e il fado di Coimbra; anche se il fado di Lisbona è più conosciuto, il fado di Coimbra, nella regione centro Portogallo, è più particolare: è cantato da uomini. Questa nomina premia lo sforzo congiunto di tutte le istituzioni portoghesi, con archivi e musei che hanno permesso la conservazione della storia del Fado negli ultimi due secoli. La candidatura è stata supportata da tutti i centri culturali di tradizione “fadista” e dalle associazioni professionali che rappresentano i musicisti, gli autori e gli editori relativi al Fado, oltre che da decine di singole figure chiave. Notevole anche l’impegno dei ricercatori dentro e fuori le università, che si sono occupati di compilare le registrazioni storiche, preparare le ristampe, organizzare antologie di brani, testi e iconografie.