Feed RSS

Archivi tag: iPhone & iPad

Aeroporto di Francoforte: debutta ‘Create your stay’ per i passeggeri in transito nell’hub

Inserito il

aereoporto - tabellone arrivi e partenze

L’aeroporto di Francoforte diventa una destinazione di viaggio. Con il nuovo tool ‘Create your stay’ la società Frankfurt Airport consente ai passeggeri che abbiano un minimo di due ore di transito nello scalo di organizzare la propria permanenza.
Lo strumento online, disponibile dal sito web dello scalo tedesco e in diverse lingue, permette ai passeggeri di pianificare il proprio tempo da trascorrere nell’hub e di stampare in formato pdf la propria lista di ‘preferiti’.
Oltre a segnalare le principali facilities per i pax in transito, che in questo modo possono conoscere con anticipo la dislocazione di servizi e attività commerciali, ‘Create your stay’ permette di recuperare i recapiti telefonici o i riferimenti web delle varie aziende presenti nello scalo. Il portale tra l’altro, suddivide già automaticamente le proposte di intrattenimento sulla base del tempo a disposizione dei passeggeri.

Annunci

Digital detox, vacanze senza internet

Inserito il

Lasciate ogni smartphone o voi che entrate. Si potrebbe parafrasare così il motto di Digital Detox, una compagnia nata nel 2012 con l’obiettivo di aiutare le persone a disintossicarsi dalle decine di dispositivi digitali dai quali siamo tutti più o meno dipendenti. Come? Organizzando ritiri e campi estivi dove ogni tecnologia è bandita, così da favorire i rapporti umani e il contatto con la natura.
L’idea è venuta a Felix Levi, un giovanissimo americano che a soli 24 anni si era reso conto di essere dipendente da PC, smartphone e tablet, passando quasi 80 ore alla settimana incollato a uno schermo. Così Felix ha lasciato il suo lavoro ben pagato e ha passato due anni in giro per il mondo alla ricerca di uno stile di vita diverso, tra yoga e meditazione. E al suo ritorno negli Stati Uniti ha deciso di condividere quest’esperienza con altre persone, alla modica cifra di circa 2mila dollari per quattro giorni di detox. Come quelli di Camp Grounded, che si è svolto a giugno nella Anderson Valley, la patria californiana del vino. Ma la storia di Levi non è semplicemente quella di un “hippie del duemila”: l’americano medio passa tra le 8 e le 12 ore al giorno davanti a uno schermo, e dedica a Internet il 30% del suo tempo libero. Senza contare le infinite notifiche e messaggi che affollano in continuazione i nostri smartphone. E c’è mancato pochissimo che la dipendenza da Internet (o IAC, Internet Addiction Disorder) entrasse nel recente DSM-5, la bibbia delle patologie psichiatriche. La filosofia dietro il digital detox non punta però alla rimozione del digitale dalla nostra vita: l’obiettivo è quello di educare a un uso moderato e cosciente della tecnologia che ci circonda, senza diventarne schiavi.
E se negli Stati Uniti iniziative di questo tipo spuntano ovunque, persino nel tempio digitale della Silicon Valley, anche in Italia alberghi e resort si stanno attrezzando per offrire vacanze unplugged, come ad esempio il Poecylia Resort in Sardegna o l’hotel Villa di Campo in Trentino. Le tariffe vanno dai 180 ai 240 euro a notte, ma non preoccuparti: se vuoi una disintossicazione fai-da-te ti basta una semplice app come Digital Detox che blocca completamente il tuo smartphone da 30 minuti fino a 30 giorni. Ma fai attenzione: una volta confermata la tua scelta, non si può più tornare indietro. Buon detox!

Fonte: wired.it

Oggetti dimenticati in albergo, la classifica Hrs

Inserito il

Spazzolini da denti, batterie del cellulare, biancheria intima: sono questi gli oggetti più dimenticati negli hotel dai clienti che hanno dovuto lasciare frettolosamente le camere per non perdere aerei o treni. Lo dice una ricerca condotta da Hrs, secondo cui il 50 per cento dei manager italiani sarebbe sbadato al momento del check out.
In occasione del lancio del nuovo sito hrsbusiness.it, il portale alberghiero specializzato in viaggi d’affari, ha stilato la classifica degli oggetti che più spesso vengono dimenticati dagli ospiti in albergo. Tra gli oggetti smarriti o dimenticati più di frequente ci sarebbero appunto quelli da toeletta e il vestiario, ma l’oggetto che più spesso viene abbandonato distrattamente è il caricabatteria, con il 25 per cento dei manager intervistati che ha dichiarato di averlo dimenticato almeno una volta in hotel. Al secondo posto della classifica Hrs c’è l’intimo, dimenticato dal 23 per cento dei clienti d’albergo, seguito, in terza posizione dallo spazzolino da denti (20 per cento). Seguono i libri (10 per cento), i tablet (9 per cento; quindi cravatte, chiavi di casa, scarpe e anche gioielli.
Ma le dimenticanze non finiscono qui, tra gli oggetti spiccano anche libretti di assegni, carte di credito e denaro in contanti, orologi preziosi, protesi dentarie, macchine fotografiche, ombrelli, costumi da bagno e occhiali da sole!

Silversea, arrivano i film in streaming a bordo

Inserito il

Silversea - maggiordomo

Film in streaming disponibili su ogni dispositivo mobile: Silversea mette a disposizione un nuovo servizio tecnologico per gli ospiti di Silver Cloud. Film e notizie televisive saranno disponibili in diretta da qualsiasi device abilitato con wifi; smartphone, tablet o anche ebook reader. Grandi classici del cinema o film di recente uscita disponibili in cinque lingue: inglese, tedesco, francese, italiano e spagnolo.
Si tratta di un servizio innovativo per migliorare l’esperienza degli ospiti a bordo. Smartphone e tablet sono, infatti, una necessità irrinunciabile per i viaggiatori di oggi che preferiscono avere sempre aggiornamenti in diretta.
Entro la fine del 2013 sarà esteso il servizio anche ad altre quattro navi: Silver Shadow, Silver Whisper, Silver Wind e Silver Galapagos.

Trentino, il Mart celebra 10 anni di vita

Mart Rovereto - Trento

Sabato 15 dicembre il Mart, Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto, ha celebrato una giornata ricca di eventi per festeggiare i 10 anni di attività dall’apertura della sede progettata dall’architetto Mario Botta con l’ingegnere Giulio Andreolli.
In occasione di questo traguardo, il Mart offre per il 2013 uno sconto del 50% sull’acquisto della Membership Card per le categorie Artista/Individuale e Amico. Novità online è, poi, il nuovo sito web, riprogettato da zero, che vuole consentire un più facile accesso al patrimonio e agli eventi del Mart, privilegiando la prospettiva dell’utente e l’uso in mobilità (per Tablet e Smartphone) delle molte risorse a disposizione.
Per lo stesso motivo, le sale espositive del Museo, oltre che luoghi in cui si possono ammirare opere d’arte, diventano anche spazi in cui produrre e condividere idee, grazie al wi fi libero. Le risorse disponibili in rete sono molte: un’app per smartphone sviluppata da Telecom, Trento Rise e Mart, che riconosce le opere della mostra “La magnifica ossessione” e fornisce approfondimenti; centinaia di immagini diffuse sulle reti sociali del museo; e concorsi fotografici come “Il mio Mart”, realizzato con il quotidiano “Trentino”.

Pisa: un codice QR contro le guide turistiche abusive

Inserito il

Guide turistiche abilitate con il QRcode. Succede a Pisa, dove l’assessorato al Turismo e la Confguide di Confcommercio hanno promosso il progetto eBadge, che prevede la fornitura alle guide turistiche abilitate di un tesserino magnetico con codice QR.
La Polizia municipale, leggendo il codice con un semplice smartphone, potrà facilmente verificare se si tratta di un professionista in regola oppure no e in questo caso far scattare le sanzioni previste dalla legge. L’eBadge non contiene direttamente i dati, ma il codice QR rimanda ad una banca dati remota, gestita dagli uffici della Provincia di Pisa. L’obiettivo è quello di smascherare chi esercita impropriamente la professione, compromettendo la possibilità di lavoro delle guide abilitate e mettendo a rischio la sopravvivenza di molti professionisti.

Rome’s Ancient Treasures: app gratis per un giorno

Inserito il

Un giorno di tempo per scaricare  gratuitamente la travel app Rome’s Ancient Treasures. Il “freedownload  day”, in programma lunedì 3 dicembre, è un’idea di Josephine McKenna,  ideatrice dell’applicazione sui tesori di Roma e corrispondente di  Australian Gourmet Traveller Magazine.
L’app raccoglie 160 siti, più o  meno noti, è interattiva e contiene informazioni aggiornate, garantite  dall’esperienza diretta dell’autore. Normalmente è possibile scaricarla  su iPhone e iPad al costo di 2,99 dollari.
«Quando sono arrivata a  Roma dall’Australia, cinque anni fa, ero affascinata dalla Città  Eterna, dalle sue famose rovine e dalle sue gemme nascoste. Ho creato  questa guida di viaggio mobile per condividere i miei luoghi preferiti»,  afferma la McKenna.