Feed RSS

Archivi tag: laghi

Siberia e Russia Orientale da maggio protagoniste con Metamondo

Inserito il

Metamondo

Inizia il 4 maggio con la Transiberiana “Oro degli Zar” la stagione degli itinerari firmati Metamondo per la Siberia e la Russia Orientale.
Il primo itinerario, in treno privato, nell’arco di 16 giorni porta i viaggiatori lungo la strada ferrata più evocativa al mondo, attraversando i paesaggi siberiani e le steppe della Mongolia da Mosca a Pechino o viceversa. I tour proseguono fino a settembre accompagnati da guide parlanti diverse lingue europee e con guida parlante italiano garantita il 27 luglio e il 15 agosto. Le carrozze vanno dalla standard alla lussuosa platinum.
La Siberia è protagonista anche dell’itinerario “Il Grande Lago Baikal”, un viaggio di 11 giorni che prende il via da Irkutsk e muove lungo la sponda centro-meridionale del lago. Le partenze, a date fisse, sono per un minimo di 4 passeggeri dal 18 giugno al 27 agosto o libere per minimo 2 passeggeri per tutta l’estate.
In Kamchatka l’operatore propone “La terra dei vulcani”, un tour di 9 giorni con partenze a date fisse da giugno a settembre per un minimo di 2 passeggeri in gruppi internazionali. Si tratta di un itinerario idele per chi ama la soft adventure, con tratti in barca tra le baie affacciate sul Pacifico e trekking di diversa intensità. Chi, invece, sceglie programmi personalizzati e intensi potrà optare per ascese ai vulcani e tour in elicottero nella Valle dei Geyser.

Ponte del 1 novembre: weekend lungo per un italiano su tre

Inserito il

Nonostante  il perdurare della crisi, un italiano su tre si concederà un weekend  lungo in occasione del Ponte del 1 novembre, prima pausa dopo il  rientro dalle ferie estive. Più  precisamente, secondo un’indagine a partire per il Ponte sarà il 38,4%  degli intervistati: un dato non certo da “bollino nero” sulle  autostrade, ma comunque significativo considerando il periodo  socioeconomico e i limitati giorni a disposizione.
Destinazioni? L’Italia è il Paese più gettonato (79,3%): al primo posto delle preferenze (44,2%) ci sono le  città d’arte (Firenze, Roma, Venezia ecc.), al secondo la montagna scelta dal 29,2%, anche se l’apertura della  stagione sciistica è ancora lontana. Seguono il mare con il 22,3% delle  preferenze e il lago con il 4,2%.
Anche chi andrà all’Estero sceglierà di trascorrere il Ponte in grandi città che offrono viaggi tra cultura e divertimento come Londra (22,1%), Parigi o Berlino (segnalate rispettivamente dal 11,8% e dal 13.7%).
Quanto al budget destinato al Ponte del 1  novembre, quasi la metà di coloro che pensano di andare in vacanza  (44,9%) ha dichiarato di voler restare nel range dei 200-300 euro mentre  il 35,8% ha stanziato tra i 300 e i 500 euro. Solo 11,1% spenderà tra i  500 e gli 800 euro e l’8,2% supererà il tetto degli 800 euro.

Vacanze a novembre? Destinazioni per un autunno… in ferie

Inserito il

Quest’estate avete saltato le ferie? Se avete tempo, sfruttare l’autunno per una vacanza: potrà essere un’ottima idea per scoprire destinazioni ancora sconosciute e rilassarsi in un periodo dell’anno in cui la maggior parte delle persone si trova nel solito tran tran tra casa e ufficio!
Prezzi più convenienti, luoghi deserti e mete sconosciute: di cosa siete in cerca? Se apprezzate città dal sapore magico, acquistate un volo low cost per Praga o Cracovia, in Polonia, dove scoprire luoghi antichissimi che vi permetteranno di mescolarvi alla popolazione locale, fra quartieri densi di cultura, ristoranti a lume da candela e prezzi davvero bassi.
Se avete a disposizione un week end potete scegliere una meta non troppo lontana da casa. In Italia esistono luoghi splendidi e spesso del tutto sconosciuti: togliete dal garage l’auto e senza mappe, né programmi iniziate un vagabondaggio a spasso per le Marche, tra borghi storici e natura. Oppure in treno in Lombardia: lungo le tratte ferroviarie solitamente percorse da impiegati e pendolari, vi attendono gioielli come il Lago Maggiore e il Garda, l’Isola di San Giulio o il verde del Sacro Monte, posti che di solito intravediamo e che, in qualche giorno di vacanza, possiamo conoscere più in profondità, apprezzando la ricchezza di un territorio capace di offrire continue sorprese.
Amate il mare? Spiagge incontaminate a Capo Verde, nell’Oceano Atlantico o nelle Isole Canarie, dove rimarrete conquistati da un clima piacevole in ogni momento dell’anno, l’ideale per trascorrere momenti di relax tra spiagge e una natura surreale, dominata da picchi rocciosi che si gettano nell’oceano e parchi naturali.
Se state per progettare il grande viaggio dell’anno potete puntare su Miami, uno dei trend dell’autunno 2012. Dal 4 al 9 dicembre Miami celebrerà l’arte in oltre 100 gallerie con Art Basel e artisti provenienti da ogni angolo del mondo, per unire shopping, spiaggia e un tuffo… nella cultura.
Da non sottovalutare Thailandia e Indonesia, per esplorare una cultura del tutto differente, apprezzare la deliziosa cucina a ogni angolo delle strade e fare ritorno agli inizi dell’inverno italiano con una calda abbronzatura, pronti a ripartire carichi di energie.
Per non allontanarvi troppo e apprezzare le giornate di sole autunnale dirigetevi per qualche giorno in Costa Azzurra: a Nizza, o Cannes, vicine al confine e già immerse nell’affascinante pesaggi di una Francia da scoprire tra piccoli villaggi in ardesia e città come Marsiglia, popolate da una gran quantità di eventi, arte, cultura, musica.
Ma se è il lusso ad attrarvi non perdetevi un week end chic negli Emirati Arabi, a Dubai o Abu Dhabi, che dall’11 al 13 novembre ospiterà il Gran Premio di Formula 1, cui seguirà il Festival dei datteri, dal 21 al 26 novembre, e la fiera d’arte Abu Dhabi Art.
Il freddo vi stuzzica? Bruxelles fino alla fine del 2012 inebria con Brusselicious 2012, un food-festival in azione per tutta la città. Anche Stoccolma seduce, grazie a ben 80 musei, il drammaturgo August Strindberg, a cui è dedicato quest’anno e un intero quartiere dedicato allo shopping. Ultima tappa? Helsinki, capitale del design 2012. Da qui imbarco immediato per Tallin, la splendida capitale dell’Estonia, raggiungibile dal porto di Helsinki in aliscafo.

Fonte: latitudeslife.com

Irlanda, un sud-ovest tutto da scoprire

Inserito il

Terza città dell’isola dopo Dublino e Belfast, Cork è il punto di partenza ideale per andare alla scoperta delle meraviglie del sud-ovest irlandese.
Dinamica e attraente, la città ha molto da offrire: ristoranti dalla solida tradizione culinaria, un centro storico piacevole e animato, simpatici pub con musica dal vivo, spazi artistici, una popolazione cordiale e accogliente.
Interessanti anche le cittadine negli immediati dintorni, come Cobh, con i suoi ricordi del Titanic (la nave vi fece scalo l’11 aprile 1912 per poi lasciare l’Europa alla volta della sua tragica traversata); oppure, per gli appassionati di whiskey, Midleton, dove si può visitare la storica Old Jameson Distillery, che risale a 200 anni fa.
Cittadine affascinanti e vivaci, come Kinsale, Clonakilty e Skibbereen, si alternano nella cornice paesaggistica dei panorami del West Cork, che offre infinite possibilità di escursioni, come quelle alle penisole di Mizen Head, Sheep’s Head e Beara. Da quest’ultima si dispiegano gli incredibili paesaggi della contea di Kerry, la cui città principale è Killarney, circondata da uno dei parchi nazionali più belli dell’intera isola. La cittadina è una meta turistica molto rinomata, con ottimi ristoranti e pub, sistemazioni di alto livello, negozi, castelli, giardini e laghi.
Da Killarney, si segue il Ring of Kerry, un lungo circuito stradale ad anello, che tocca paesaggi diversissimi fra loro: spiagge incontaminate e coste scoscese, campi coltivati, prati e boschi, zone remote e selvagge, montagne e laghi, minuscoli villaggi accoglienti, siti preistorici. Nel sud-ovest della penisola svetta l’aspro profilo di Skellig Michael, ora patrimonio dell’Umanità UNESCO. Nel remoto isolotto, raggiungibile dai villaggi costieri, visse una comunità monastica dal VI al XII secolo, di cui rimangono consistenti testimonianze; è inoltre un paradiso del birdwatching.
Proseguendo verso nord, si incontra la Penisola di Dingle, la sua natura incontaminata, la varietà dei panorami marini, i pittoreschi villaggi costieri, gli oltre 2000 siti archeologici e la presenza di un consistente Gaeltacht ne fanno un luogo unico al mondo. La graziosa cittadina di Dingle, è una località ben attrezzata che offre ai visitatori una vivace atmosfera grazie alle coloratissime vie su cui si affacciano numerosi pub.
Un viaggio in queste terre rappresenta un amalgama di quanto di meglio l’Irlanda ha da offrire. Più che mai facile da raggiungere grazie a tre collegamenti diretti dall’Italia verso Cork, il sud ovest invita ad essere esplorato senza fretta, ascoltando il battito del cuore antico d’Irlanda.

Il Natale di Lugano

Anche quest’anno Lugano si prepara ad accogliere l’anno nuovo nel migliore dei modi. Numerose, infatti, le manifestazioni che si svolgeranno in città fino all’8 gennaio 2012, ideali sia per chi vuole trascorrere un fine settimana festoso, sia per chi sceglie le feste natalizie per un soggiorno in famiglia.
Qui, infatti, l’atmosfera del Natale è magica tra mercatini in Piazza della Riforma, vetrine allestite nelle eleganti boutique di via Nassa, addobbi e luci colorate nel centro storico e sul lungolago, concerti, spettacoli, animazioni di strada e grottini per degustazioni tipiche. I Mercatini dell’Avvento caratterizzano, come sempre, la città in uno dei periodi più belli dell’anno.
Fino al 24 dicembre si organizzano tante piccole feste nei nuclei più suggestivi del territorio luganese, all’insegna del piacere del palato e della vista: pasticceria tipica, golosità per tutti i gusti, artigianato tradizionale e numerosissimi spunti per fare regali e decorare la casa a festa. Immancabile anche l’appuntamento con la musica con i Concerti d’Autunno 2011, organizzati nel Palazzo dei Congressi di Lugano in collaborazione con l’Orchestra della Svizzera Italiana e i più grandi direttori e musicisti di fama internazionale, la rassegna “Christmas in Jazz” con i concerti jazz gratuiti in Piazza San Carlo e la rassegna “MusicalMente” di LuganoInScena 2011, che martedì 21 dicembre propone un coro di 18 giovani talenti per un repertorio soul, gospel e negro-spirituals di grande coinvolgimento.
In questo ricco contesto, si colloca a pieno titolo il Grand Hotel Villa Castagnola, un magnifico Resort sulle rive del Lago di Lugano, membro della “Small Luxury Hotels of the World”, che annovera tra i suoi affiliati oltre 500 alberghi di lusso tra i più prestigiosi al mondo.Un luogo in cui la riservatezza e l’attenzione ai dettagli fanno da padrone e che offre una proposta interessante per le festività natalizie. A renderlo unico contribuiscono anche i suoi due Ristoranti: Le Relais e la Galleria Ristorante Artè al Lago, 1 Stella Michelin, che propongonoun delizioso menu gourmet per la vigilia di Natale e per il cenone di Capodanno.

Lucerna, 300 mila luci per accendere il Natale

Il primo appuntamento con il Natale di Lucerna è stato il 13 novembre, con l’accensione di 300 mila luci natalizie ad addobbare la facciata dell’hotel Seeburg, mentre a partire dal 26 novembre saranno allestiti per le vie del centro storico numerosi mercatini di Natale, come quello degli alberi, un tripudio di alberi di ogni dimensione e prezzo, o il Mercato natalizio e dell’artigianato, dove trovare decorazioni, candele, spezie e dolci.
Sul lago di Lucerna, le compagnie di navigazione offrono crociere in battello a vapore con brunch e navigazioni serali con cena a bordo.
Folcloristico l’appuntamento del 5 dicembre nella cittadina di Küssnacht quando alle 20,15 un colpo di cannone dà inizio al Klausjagen, il corteo di San Nicola, accompagnato dai portatori di fiaccole, musicanti e 900 Klausjäger, i cacciatori, che scuotono a ritmo costante le loro pesanti campane. Da segnalare, inoltre, il mercatino di Einsiedeln tra i più grandi della regione, dal 26 novembre al 4 dicembre, allestito davanti all’abbazia benedettina nel Canton Svitto (www.einsiedler-weihnacht.ch) e il mercatino di Willisau dal 2 al 4 dicembre (www.christkindlimarkt.willisau.ch).

Amburgo verde e bella

Inserito il

Amburgo è la città più verde d’Europa con parchi, foreste, riserve naturali e acque sul 25% della superficie. È bella anche la periferia, vicina al Mare del Nord e Baltico con le molte opportunità di svago. Amburgo è anche una delle poche metropoli (due milioni e mezzo di abitanti) che contiene un proprio parco naturale – l’Hamburg Wadden Sea sarà presto nella lista dei siti UNESCO – e perfino 31 riserve naturali.

Leader nel trasporto sostenibile
Amburgo offre varie opzioni di sightseeing ecocompatibili: con la S-Bahn, la ferrovia veloce a energia elettrica verde, derivata dall’acqua e con le 1.500 biciclette rosse, le StadtRAD, che si affittano in più di 100 punti della città. Amburgo si può anche scoprire dal lago Alste, nel cuore della città, con le prime navi passeggeri a idrogeno: le FSC Alsterwasser a zero emissioni scivolano silenziose sull’acqua offrendo la vista dei piccoli parchi e delle casette bianche di Amburgo. E per chi ama il mangiar sano e i prodotti biologici c’è l’imbarazzo della scelta tra innumerevoli ristoranti, cafè e negozi specializzati, anche in abbigliamento e mobili a basso impatto, eco-friendly e di design innovativo.

Eco-made in Hamburg
Gli hotel eco sostenibili ad Amburgo sono in tutte le categorie: come il 5 stelle lusso Sofitel Hamburg Alter Wall Hotel, il 4 stelle superiore Madison Hotel Hamburg e il 3 stelle Okotel Hamburg. Il Radisson Blu è stato il primo con la certificazione ambientale ISO 14001, a febbraio 2012 l’avrà anche lo Scandic Emporio Hamburg. Anche il viaggio verso Amburgo ha opzioni eco-friendly: l’ente del turismo Hamburg Tourismus GmbH offre con Deutsche Bahn un Umwetl-Plus Ticket, sull’Intercity Express a zero CO2. Deutsches Bahn ricava energia elettrica da impianti idrici e dal sistema di elettricità rigenerata con il metodo Renewable Energy Generation Certificate, secondo i criteri del manuale TÜV Süd.

European Green Capital 2011
Con il suo programma di protezione del clima, tra l’altro, Amburgo ha ottenuto dall’Unione Europea il titolo di European Green Capital 2011. Nonostante il porto in continua crescita e l’importante hub industriale la città ha ridotto le emissioni di CO2 del 15% dal 1990, arriverà al 40% entro il 2020 e per il 2050 addirittura all’80%. Come sia possibile raggiungere tali risultati Amburgo lo spiega nell’Info Pavillion della stazione ferroviaria centrale, e ci sono anche gli eco tour guidati a orario fisso, per comprendere i sistemi di protezione ambientale e per scoprire il cuore verde della città.

Arrivi record
Anche così Amburgo attrae sempre più visitatori. Le statistiche del North Germany riportano arrivi in aumento del 9,3% tra gennaio e aprile rispetto al primo quadrimestre del 2010, e più 10,7% i pernottamenti, in tutto 2,7 milioni. Il 2011 si annuncia un anno record per Amburgo, dopo un aumento del 18% delle presenze internazionali (sempre tra gennaio e aprile) che sono arrivate al 25% del totale: in testa inglesi, danesi, svizzeri, austriaci e visitatori americani.