Feed RSS

Archivi tag: Lima

Perù e Bolivia mete d’agosto di Tour 2000

Inserito il

Machu Picchu

Sono Perù e Bolivia le destinazioni su cui spinge Tour 2000 Go Sudamerica per l’estate. Le destinazioni sono proposte con tour di 15 giorni e partenze da Milano e Roma.
Il viaggio in Perù prevede l’avvio da Lima, con tappe alle isole Ballestas e il sorvolo delle linee di Nazca; si passa poi a Arequipa, con le tipiche abitazioni coloniali, a Puno con escursione sul lago Titicaca e infine Macchu Picchu e Cusco.
Il tour in Bolivia prevede la visita alla capitale La Paz, a piccole cittadine come Sucre e Potosi, famose al tempo dell’estrazione dell’argento, oltre alle immagini suggestive del ‘Salar di Uyuni’, il più alto deserto salato del mondo.

Nuovo tour in Perù nella programmazione Patagonia World

Inserito il

Machu Picchu

Patagonia World Nuovo Mundo lancia il programma “Essenza peruviana”. Prenotabile entro il 28 gennaio prossimo e realizzato in collaborazione con Air France-Klm, è un itinerario di 10 giorni che il brand del Gruppo Seven Worlds ha creato includendo visite a Lima, Arequipa, al lago Titicaca, con navigazione su imbarcazioni tipiche e alla cittadella Inca di Machu Picchu.
Dettagli offerta disponibili presso i punti vendita Pegaso Viaggi di Osimo, Rivoli e Torino.
Info e prenotazioni: info@pegasoviaggi.com – 071.7232007

PromPerù: la Dakar 2013 parte da Lima

Inserito il

Il Ministro del Commercio Estero e del Turismo in Perù, José Luis Silva Martinot, ha reso noto che la 35° edizione del Rally Dakar 2013 avrà inizio da Lima il prossimo 5 gennaio per concludersi il 20 dello stesso mese di fronte al Palazzo La Moneda, a Santiago in Cile.
Durante la cerimonia in cui ha annunciato la partecipazione dei Paesi che prenderanno parte alla prossima edizione del Rally Dakar, il ministro Silvaha osservato che l’affetto con cui i peruviani hanno accolto i partecipanti al Rally Dakar 2012 mostra il carattere cordiale e generoso del popolo che si è rivelato all’altezza dell’evento e ottimo padrone di casa, presentando la ricchezza geografica, culturale e umana del proprio Paese. Il Direttore di MINCETUR ha aggiunto che la decisione di far iniziare l’edizione 2013 del Rally Dakar da Lima rappresenta un’ottima vetrina non solo per la capitale ma per tutto il Perù che avrà modo di mostrarsi agli occhi di oltre un miliardo e mezzo di persone che seguiranno la competizione in televisione e da Internet dai 190 Paesi collegati.
Il deserto sarà il protagonista fin dai primi giorni del rally, per la prima volta nella sua storia. Nell’ultima edizione della Dakar, i piloti hanno conosciuto il lato peruviano del deserto, restando colpiti, prima dell’arrivo a Lima, dal suo splendore ma anche dalle caratteristiche uniche del tracciato. Per la prossima edizione, come ha sottolineato il direttore generale del Rally Dakar 2013 Etienne Lavigne, la capitale peruviana ospiterà la partenza del rally con la promessa di organizzare una sfida eccezionale per quanti prenderanno parte alla competizione.

Tour 2000 festeggia l’Inty Raymi a giugno

Inserito il

Appuntamento a Cuzco, sull’altopiano andino, in Perù, per l’Inti Raymi (Festa del Sole) in programma ogni anno il 24 giugno nel quadro dei festeggiamenti per il solstizio d’inverno nell’emisfero australe.
Tour 2000 Sudamerica ha in programma una combinazione di 13 giorni/11 notti per la “Festa del Sole”. Dall’Italia a Lima (visita città) e da qui ad Arequipa, Puno (escursione alle isole galleggianti degli Uros, sul Lago Titicaca) prima di raggiungere le rovine del Machu Picchu, la “città Perduta”. Tappa infine a Cusco per seguire l’Inti Raymi.
Costo del pacchetto 2.160 euro a persona: trasferimenti, hotel, prima colazione e alcuni pranzi inclusi nella cifra. A parte la spesa per il passaggio aereo dall’Italia secondo le migliori tariffe. Partenza: 15 giugno da Milano e Roma.

Tour 2000: Speciale Pasqua e 25 Aprile in Perù

Inserito il

Pasqua e Ponte del 25 aprile in Perù, un fantastico viaggio in un paese ricco di reminiscenze storiche che risalgono agli Inca, di stupendi esempi di barocco spagnolo, di suggestive città coloniali ma anche di indimenticabili “spettacoli naturali” che offrono il massimo dell’emozione nella montagna del Machu Picchu.
Tour 2000 Go Sudamerica ha in programma una combinazione che prevede l’arrivo a Lima, visita della capitale e proseguimento per Arequipa – la “città bianca”, con le sue tipiche abitazioni coloniali. Via quindi verso Puno prima di raggiungere Cuzco, il “cuore” dell’Impero Inca e le suggestive rovine del Machu Picchu, la “Città Perduta”.
Costo del pacchetto di 11 giorni/9 notti da 1.460 euro a persona. Sono inclusi trasferimenti, hotel con prima colazione e un paio di pranzi; a parte la spesa del passaggio aereo dall’Italia secondo le migliori tariffe.
Partenze disponibili: 9 e 23 aprile.

Lima candidata tra le 7 Nuove Città meravigliose 2012

Inserito il

Lima, che nel corso del 2011 ha già ottenuto numerosi riconoscimenti, nel 2012 si candida per essere eletta tra le 7 Nuove Città Meravigliose, non solo per le numerose attrattive turistiche ma anche per l’eccellente gastronomia.
Sono  molti, infatti, i motivi per i quali vale la pena di organizzare un viaggio in  Perù: esplorare e scoprire le antiche rovine di Machu Picchu,  avvistare alcuni degli uccelli più rari al mondo o fare trekking in uno  dei canyon più profondi della terra. Inoltre, sembra che oltre 5mila anni di fusione culturale e di tradizioni hanno dato vita ad un perfetto equilibrio di sapori, oggi riconosciuti quali Patrimonio culturale delle Americhe nel mondo, che ogni anno vengono messi in mostra in occasione della fiera gastronomica “Mistura”, che si svolge proprio a Lima, dichiarata Capitale Gastronomica  d’America. Ma c’è di più: Lima è stata riconosciuta  dall’autorevole sito internet per viaggiatori, frommers.com, quale meta  top per la gastronomia, capace di attrarre numerosi visitatori da tutto  il mondo desiderosi di assaggiare la grande varietà di sapori e piatti  tipici accompagnati dal pisco sour, cocktail nazionale del Perù.
Lo scorso 7 gennaio è stata annunciata la lista degli oltre mille 200 centri urbani candidati ad essere eletti tra le Nuove 7 città meravigliose. Lima è tra le preferite insieme ad altre città del Perù: Cuzco, Arequipa, Callao, Iquitos e Trujillo. Nel 2007  Machu Picchu è stata eletta una delle Nuove Sette Meraviglie del Mondo e  lo scorso ottobre la Foresta Amazzonica è stata votata tra le Nuove  Sette Meraviglie della Natura.
Quanti vogliono sostenere e votare la  capitale peruviana possono farlo collegandosi al link:
http://cities.new7wonders.com/nomination/en.

Rio, gli 80 anni del Redentore

Inserito il

Compie ottant’anni, ma è in piena forma, anzi, la sua parabola è in ascesa continua. Il Cristo Redentore, la statua che domina Rio de Janeiro dai 710 metri del monte Corcovado, icona della metropoli carioca come e forse più dello stesso Pan di Zucchero, che guarda dall’alto in basso, e delle stesse spiagge universalmente note e ambite di Copacabana e Ipanema, un’immagine che domina la città.
Nella nottata italiana (la sera in Brasile) di un non casuale 12 ottobre, si è svolta una messa celebrativa, tenuta dall’arcivescovo di  Rio Orani Tempesta, l’apogeo di un programma di celebrazioni durato un mese.
L’iconica statua, alta 39 metri e pesante 1.100 tonnellate, fu costruita nell’arco di 9 anni, cinque dei quali impiegati a collocare, sulla struttura portante di cemento armato, i minuscoli triangoli di pietra saponaria voluti dal suo progettista, l’ingegnere Hector da Silva Costa, che si avvalse dell’opera del celeberrimo collega francese Albert Caquot, per renderlo più resistente alle intemperie. L’idea di collocare un’immagine sacra sul monte che domina il Parco nazionale della Foresta Tijuca, la famosa foresta pluviale “urbana” che costituisce una delle tante meraviglie di Rio, risaliva però alla seconda metà dell’Ottocento.
Il redentore fu un instant cult, tanto che l’impianto di illuminazione della cerimonia di inaugurazione venne allestito da un certo Guglielmo Marconi. Da allora molti nomi illustri vi si sono fatti immortalare, da Lady Diana al Dalai Lama, da Obama a Bono Vox. Papa Wojtila ci andò in visita nel 1980, mentre Benedetto XVI è atteso nel 2013.
Nel suo eterno pellegrinaggio tra l’originario significato religioso (il Cristo che allarga le braccia a benedire e proteggere la città) e la sua immagine di simbolo turistico e persino di icona pop (i pubblicitari se lo contendono per spot di ogni genere, di recente è stato illuminato di rosa per promuovere una campagna di prevenzione del cancro del seno), il Redentore è stato promosso tra le nuove 7 meraviglie del mondo nel 2007, nonostante i giudizi della critica “dotta” siano spesso tutt’altro che lusinghieri. L’anno precedente, l’arcidiocesi di Rio vi aveva creato e consacrato, all’interno del piedistallo, una piccola cappella che da allora consente di celebrare matrimoni e battesimi là. Il sito, comunque, attira 4mila visitatori al giorno, molti dei quali vi arrivano con un treno, che parte dalla metropoli: la ferrovia fu progettata dal primo imperatore del Brasile, Pedro I, e dal figlio, Pedro II, e in funzione dal 1884. E sulla montagna del Corcovado, la vista sulla foresta e sul Pan di Zucchero è davvero da brivido, e non basta il tipico scenario di negozi turistici a scalfirne l’impatto emotivo.
Popolare com’è, il Redentore ha attirato imitazioni e cloni. L’ultimo, eclatante, sovrasta Lima dal giugno scorso. Ma, come è facile immaginare, pochi, al di fuori del Perù.

Fonte: Repubblica Viaggi, 13 ottobre 2011