Feed RSS

Archivi tag: luce

Gubbio, Napolitano accende il maxi albero col tablet

Inserito il

albero di Natale di Gubbio

Un clic sul tablet, direttamente dal Quirinale: così il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, da Roma ha acceso oggi, alle 17.30, le luci dell’albero di Natale di Gubbio, il più grande del mondo (entrato nel Guinness dei primati nel 1991), allestito per la 32esima a volta consecutiva sul versante sud del monte Ingino, secondo le stesse modalita’ utilizzate nel 2011 da Benedetto XVI.
Formato da 260 punti luminosi che ne delineano la sagoma (mentre 270 sono quelle multicolori all’interno), l’albero ha un’altezza di 650 metri e una larghezza di 350. E’ sormontato da una stella di circa mille metri quadrati.
Accolto dal presidente del comitato “Albero di Natale piu’ grande del mondo”, Pavilio Ramacci, e dal sindaco di Gubbio Diego Guerrini, prima di accendere l’Albero, il presidente ha mandato un messaggio agli eugubini e a tutti gli italiani.

Ora solare 2012: domenica le lancette dell’orologio tornano indietro

Inserito il

Torna nella notte fra sabato 27 e domenica 28 ottobre l’ora solare: alle ore 03.00 si dovranno spostare un’ora indietro le lancette degli orologi. L’ora legale tornerà il 30 marzo 2013.
Durante il periodo di ora legale, iniziato il 25 marzo 2012, grazie proprio a quell’ora quotidiana di luce in più che ha portato a posticipare l’uso della luce artificiale, l’Italia ha risparmiato complessivamente circa 613 milioni di kilowattora (647 milioni di kWh il minor consumo del 2011), un valore pari al consumo medio annuo di elettricità di 205.000 famiglie. In termini di costi, l’Italia ha risparmiato con l’ora legale circa 102 milioni di euro.
Nei mesi di aprile e ottobre si è registrato, come di consueto, il maggior risparmio di energia elettrica. Ciò è dovuto al fatto che questi due mesi hanno giornate più “corte” in termini di luce naturale, rispetto ai mesi dell’intero periodo. Spostando in avanti le lancette di un’ora, quindi, si ritarda l’utilizzo della luce artificiale in un momento in cui le attività lavorative sono ancora in pieno svolgimento. Nei mesi estivi come luglio e agosto, invece, poiché le giornate sono già più lunghe rispetto ad aprile, l’effetto “ritardo” nell’accensione delle lampadine si colloca nelle ore serali, quando le attività lavorative sono per lo più terminate, e fa registrare risultati meno evidenti in termini di risparmio di elettricità.
In termini di costi, l’Italia ha risparmiato con l’ora legale circa 102 milioni di euro, considerando che per il cliente finale 1 kilowattora è costato, nel periodo in esame, in media circa 16,65 centesimi di euro al netto delle imposte. Nel dettaglio, ad aprile si è avuto un risparmio di 129 milioni di kWh, a maggio di 81 milioni di kWh, a giugno di 34 milioni di kWh, a luglio di 34 milioni di kWh, ad agosto di 33 milioni di kWh, a settembre di circa 85 milioni di kWh e ad ottobre di 161 milioni di kWh. Nel 2011 il risparmio è stato pari a 91 milioni di euro poiché il costo medio di 1 kilowattora era di 14,06 centesimi di euro.

Dal 2004 al 2012 il risparmio complessivo del Paese è stato di circa 5 miliardi e 600 milioni di kilowattora, pari ad un valore di circa 800 milioni di euro.

Al via il Festival della Luce di Gerusalemme

Inserito il

Gerusalemme spalanca le porte alla seconda edizione del Festival della Luce, in programma dal 15 al 22 giugno: impianti luminosi, installazioni e mostre dedicate alla luce ravviveranno la città al tramonto, dalle 20 alle 24. La kermesse è realizzata dalla municipalità di Gerusalemme in collaborazione con l’ufficio del primo ministro, il ministero del Turismo d’Israele, il Comune e la società Ariel. Una settimana di eventi in cui sono attesi 250 mila visitatori.
Nel corso del festival sarà possibile visitare nel centro storico della città mostre di artisti “della luce” locali e internazionali, assistere a eventi di strada, spettacoli di acrobati e visitare una fiera dell’illuminazione allestita all’Archeological Garden del Davidson Center di Gerusalemme. Numerosi gli artisti provenienti da Paesi stranieri: Francia, Portogallo, Usa, Danimarca, Belgio e Italia.
Alla Porta di Giaffa, il gruppo francese TILT, che partecipa al festival per la seconda volta, creerà un giardino futurista di luce in una mostra dove lo spettatore viene circondato da un ambiente innovativo utilizzando la più avanzata tecnologia legata alle tecniche della illuminazione. Alla Grotta di Zedekia in mostra anche l’opera dell’italiano Richi Ferrero, che presenterà un allestimento visivo completato da musica mongola e sonorità bulgare. Il Comune di Gerusalemme ha anche deciso di ricostruire l’illuminazione che nel 1937 celebrò l’incoronazione di re Giorgio VI, mentre un video inserito nella Rothschild House condurrà i visitatori in un virtuale viaggio in treno dalla città alla scoperta della natura e un altro impianto riprodurrà un “dialogo” con la pietra di Gerusalemme, utilizzando oggetti illuminati per creare illusioni. In programma, per finire, lo spettacolo “Butterfly Effect” nel Giardino Ha’bonim.