Feed RSS

Archivi tag: social network

Lonely Planet a rischio, i viaggiatori twittano i ricordi di viaggio

Inserito il

guide Lonely Planet

Lonely Planet rischia la chiusura. La casa editrice delle famose guide turistiche, dopo soli 4 mesi dalla cessione a NC2 Media, avrebbe deciso di licenziare numerosi dipendenti. Complice la crisi della carta e la diffusione delle applicazioni di viaggio, le vendite sono infatti crollate del 14% tra il 2010 e il 2011 e poi di un altro 21% tra il 2011 e il 2012.
Non appena la notizia ha iniziato a circolare, i fan della guida hanno iniziato a twittare con l’hashtag #lpmemories per ricordare i loro momenti di viaggio più belli.
Lonely Planet d’altro canto smentisce la chiusura e spiega di star avviando una ristrutturazione aziendale e dice di volersi impegnare a fondo per continuare a pubblicare le guide. Il primo numero della Lonely Planet risale al 1972, quando Tony e Maureen Wheeler scrissero la loro guida di viaggio “Across Asia on the cheap”. Il volume più venduto fu quello sull’India, nel 1981. La Lonely Planet tradizionalmente ha coperto il 60% del mercato delle guide turistiche in Australia, ma con il passare degli anni ha conquistato il resto del mondo. Nel 2007 i Wheeler’s vendettero il 75% della compagnia alla BBC Worldwide e il resto quattro anni dopo.

Annunci

Tourism Australia rilancia “Best Job in the World”. Al via oggi le candidature

Inserito il

Australia

Dopo l’esperienza del 2009 torna “Best Job in the World”, l’iniziativa di Tourism Australia che mette in palio sei posti di lavoro, ciascuno con un contratto di sei mesi e un pacchetto retributivo pari a 100 mila dollari australiani (circa 80mila euro).
Tourism Australia in partnership con gli enti di promozione turistica di sei stati e territori, ha lanciato ora un concorso con la possibilità di candidarsi per uno dei seguenti lavori: fotografo trendy (Melbourne), specialista del divertimento (New South Wales), esploratore dell’Outback (Northern Territory), guardiaparco (Queensland), custode di Kangaroo Island (South Australia), maestro del gusto (Western Australia).
Ci si può candidare a partire da oggi: i candidati devono registrarsi per i posti desiderati su Facebook  o su Australia.com/bestjobs. I candidati riceveranno una notifica per il successivo passo del processo di assunzione entro 48 ore dalla registrazione. L’iniziativa “Best Jobs in the World” si colloca nell’ambito della promozione dei programmi Working Holiday Maker.
In Italia il Working Holiday Visa permette ai giovani tra i 18 e i 30 anni di soggiornare in 12 mesi in Australia: una delle campagne di maggior successo degli ultimi tempi ritorna in una versione ancora più grande, organizzata con una promozione che rappresenta i paesaggi mozzafiato, la fauna unica al mondo, un’eno-gastronomia d’eccellenza e, naturalmente, la passione tutta australiana per il divertimento. Per molti giovani, i programmi australiani del Working Holiday Visa rappresentano la fonte di guadagno per pagarsi il viaggio.

E’ arrivato Wikivoyage: obiettivo, informazioni ‘neutrali’ sulle destinazioni

Inserito il

Non un altro sito di commenti e giudizi, ma una vera enciclopedia “open” anche per i viaggi. Debuttata ufficialmente da una settimana Wikivoyage, il progetto creato daun progetto della Wikimedia foundation (la stessa di Wikipedia) e dedicato ai viaggiatori di tutto il mondo.
L’idea di base è la stessa dell’enciclopedia online più cliccata del mondo: contenuti creati e verificati dagli utenti, in costante e tempestivo aggiornamento. Si ritiene che, dopo il lancio completo, le destinazioni mondiali potrebbero godere di una ulteriore vetrina. L’intenzione di base di Wikivoyage è nettamente diversa da quella di altri siti che ospitano informazioni e commenti degli utenti. Nelle linee guida, infatti, si raccomanda a chi collaborerà al progetto di redigere i testi da un punto di vista neutrale. L’obiettivo è creare a guida “aggiornabile e attendibile”, come spiega la pagina del progetto dedicata alle politiche di Wikivoyage.
Il progetto ha radici molto antiche (almeno per i tempi di sviluppo a cui siamo abituati sul web) e non ha avuto per varie ragioni il successo della più nota enciclopedia: nel 2003 nasce infatti Wikitravel, ispirato e sostenuto da Wikipedia. Il dominio viene però venduto nel 2006 ad Internet brands per 1 milione e mezzo di dollari e prosegue un percorso autonomo che continua ancora oggi. La cessione avviene senza il consenso di tutti i partecipanti: per questo alcuni utenti, sostenuti da Wikimedia foundation, ripartono con Wikivoyage in Germania a fine 2006. La versione in italiano parte esattamente un anno dopo e oggi contiene 2255 articoli. Gli articoli della versione inglese, invece sono oltre 26mila (contro però gli oltre 82mila di Wikitravel in inglese).
Questa storia travagliata spiega forse perchè le guide turistiche non hanno ancora fatto la fine delle enciclopedie, nonostante le analogie siano molte: il primo duro colpo alla vendita delle seconde fu dato da Encarta, l’enciclopedia di Microsoft a pagamento disponibile su cd e web. Poi l’arrivo di Wikipedia, libera e gratuita, affossò definitivamente il business. E la storica Enciclopedia Britannica nel 2012 ha dato alle stampe la sua ultima versione cartacea. Sulle guide turistiche la situazione è simile: il mercato è già ridotto per via delle app mobile che svolgono le stesse funzioni a prezzi ridotti col vantaggio di una maggiore portabilità, migliore consultazione e più ampio volume di contenuti. Una nuova guida turistica online gratuita assottiglierà ulteriormente i margini del mercato, anche se la più nota Wikitravel al momento non c’è riuscita.
Wikivoyage potrà però contare su una progressiva integrazione con Wikipedia che già oggi è molto consultata per cercare informazioni sulle destinazioni e quindi si tratta di un lancio interessante soprattutto per vedere se ci sarà una reazione da parte di Google. Google infatti da sempre privilegia i risultati di Wikipedia ai primi posti del suo motore di ricerca, sarà interessante vedere se continuerà a farlo dopo che Wikipedia sarà entrata in diretta competizione con Frommer’s, la collana di guide viaggi che la società di Mountain View ha acquisito nel 2012, e con Google Local che già oggi dà informazioni ai turisti su attrazioni, punti di interesse e ristoranti attraverso Google e Google maps.

Primarie della Cultura, parte l’iniziativa del Fai

Inserito il

logo FAI

Prendono il via oggi le Primarie della Cultura lanciate dal Fai. Fino al 28 gennaio prossimo sarà possibile votare online sul sito delle Primarie della cultura le priorità da indicare al prossimo Governo sui temi relativi alla cultura, al paesaggio e all’ambiente.
L’iniziativa promossa dal Fondo Ambiente Italiano intende dare voce agli elettori affinché individuino idee e proposte che i candidati delle prossime elezioni politiche possano fare proprie. Il voto di preferenza va espresso tra i quindici temi proposti. Al termine della consultazione i cinque temi più votati saranno annunciati ufficialmente e presentati a partiti e candidati.
“Le Primarie della cultura – spiega Ilaria Borletti Buitoni, presidente Fai – vogliono dare risposte a una domanda trascurata e fondamentale per il Paese: come salvare la cultura italiana dopo decenni di indifferenza, come  rendere il patrimonio storico-artistico e paesaggistico una ricchezza che può generare anche sviluppo, come ritrovare l’identità di un Paese la cui bellezza e arte tutto il mondo conosce”.
Sarà possibile votare solo online sul sito delle Primarie della cultura e sulla pagina Facebook del Fai grazie all’apposita applicazione oltre al profilo Twitter e Google Plus della Fondazione.

Msc: il battesimo di Preziosa raccontato da 3 blogger

MSC Crociere

Tre blogger per raccontare il Battesimo della prossima new entry della flotta Msc, la Preziosa. A 100 giorni dal varo di Msc Preziosa, previsto per il 23 marzo 2013 a Genova, la compagnia ha reso noto i nomi delle tre persone che hanno vinto il concorso indetto durante la conferenza Travel Blogger Elevator.
Nel concorso, riservato ad un gruppo di blogger selezionati, si chiedeva di suggerire un’idea creativa su come coinvolgere gli appassionati di viaggi attraverso i social network proprio durante lo svolgimento del battesimo della nuova ammiraglia della compagnia, raccontando in diretta le fasi più eccitanti della cerimonia. Toccherà a Kelly Ferrero di Tripfilms, Gary Bembridge di Tips for Travellers e Alexandra Kovacova di Crazy Sexy Fun Traveller, l’incarico di assumere il ruolo di blogger ufficiali dell’evento.
Con questa iniziativa, infatti, Msc Crociere ha l’obiettivo di far scoprire l’affascinante – e a qualcuno ancor sconosciuto – mondo delle crociere, così come di provare a cambiare i punti di vista e le convinzioni personali dei blogger sul settore crocieristico e di coinvolgere le diverse comunità online di viaggiatori circa l’unicità di questo tipo di viaggio.

William e Kate: bebè reale in arrivo

Inserito il

William e Kate

Il principe William e la moglie Kate Middleton aspettano un bambino. La coppia reale della monarchia inglese dà l’annuncio della gravidanza dopo una serie di smentite e gossip malevoli.
Dopo mesi di rumour, St. James Palace conferma infatti l’attesa gravidanza di Catherine Middleton, 30 anni, moglie del figlio maggiore di Carlo e Diana, con questo comunicato: «Le altezze reali il duca e la duchessa di Cambridge sono molto felici di annunciare che la duchessa di Cambridge è in dolce attesa». Kate, secondo quanto riferito da Palazzo Reale, si trova in ospedale a causa di forti nausee mattutine.
La famiglia reale britannica e i familiari di Kate Middleton sono felicissimi per la notizia diffusa oggi ufficialmente. Il primo ministro britannico, David Cameron, ha affidato a Twitter la sua reazione alla notizia che William e Kate aspettano un bambino: «molto felice per la notizia, saranno genitori meravigliosi», ha scritto Cameron. Il bebè di William e Kate, che sia maschio o femmina, sarà erede al trono, terzo in linea di successione, in quanto primogenito della coppia reale, secondo la legge britannica.
Bookmaker inglesi scatenati dopo la notizia ufficiale del figlio in arrivo per il principe William e la moglie Kate. Sulle lavagne d’oltremanica è già disponibile un’ampia offerta di scommesse sul primo erede della coppia reale: quote alla pari per un fiocco rosa o un fiocco azzurro, entrambi offerti a 1,83; per il nome l’agenzia Paddy Power, come riporta Agipronews, punta su Frances (8,00), Victoria (9,00), John (9,00) e Philip (11,00), mentre l’omaggio a Diana Spencer si gioca a 11,00. Secondo i quotisti il bambino potrebbe nascere a luglio 2013, mese favorito a 5,00 sulla lavagna della sigla William Hill. Non solo, visto che i bookmaker si lanciano anche sul colore dei capelli (il castano è quello più probabile a 2,50), e il peso alla nascita (poco più di 3 kg valgono 3,50). In tabellone anche l’ipotesi di un parto gemellare, possibilità per ora lontana a 50 volte la posta.

Rome’s Ancient Treasures: app gratis per un giorno

Inserito il

Un giorno di tempo per scaricare  gratuitamente la travel app Rome’s Ancient Treasures. Il “freedownload  day”, in programma lunedì 3 dicembre, è un’idea di Josephine McKenna,  ideatrice dell’applicazione sui tesori di Roma e corrispondente di  Australian Gourmet Traveller Magazine.
L’app raccoglie 160 siti, più o  meno noti, è interattiva e contiene informazioni aggiornate, garantite  dall’esperienza diretta dell’autore. Normalmente è possibile scaricarla  su iPhone e iPad al costo di 2,99 dollari.
«Quando sono arrivata a  Roma dall’Australia, cinque anni fa, ero affascinata dalla Città  Eterna, dalle sue famose rovine e dalle sue gemme nascoste. Ho creato  questa guida di viaggio mobile per condividere i miei luoghi preferiti»,  afferma la McKenna.