Feed RSS

Archivi tag: Sole

Creme solari sì o no?

Inserito il

sole, mare, estate

Che la meta sia il mare, la montagna o un Paese tropicale pare sia sempre più necessario proteggere la pelle con creme solari ad alto fattore di protezione. In merito a questo, esistono due correnti di pensiero: c’è chi considera quella di prendere il sole una cattiva abitudine e c’è chi gli attribuisce proprietà necessarie all’uomo, basta che lo si tratti con rispetto.
Gli estimatori delle creme si fanno forti di alcune ricerche che affermano l’aumentare dei casi di melanoma, tumore della pelle causato dai raggi solari, il cui rischio verrebbe ridotto dall’utilizzo di alti fattori protettivi. Infatti, afferma la ricerca pubblicata dal Journal of American Academy of Dermatology, più alto è il fattore di protezione più si è protetti dai raggi nocivi. Della stessa idea è anche lo studio finanziato da Neutrogena e Johnson&Johnson, che suggerisce l’utilizzo di creme con SPF di almeno 70. Sull’altra sponda del fiume c’è chi dice che esporsi al sole non solo fa bene, ma è necessario in quanto stimola la produzione di vitamina D, a cui recenti studi attribuiscono una rilevante azione preventiva antitumorale e antimetastatica. Negli USA è stato calcolato che la mancanza di esposizione al sole abbia provocato oltre 50.000 casi di cancro e spalmarsi creme ad alta protezione inibisce la produzione di questa importante vitamina, necessaria per combattere anche osteoporosi, depressione e problemi vascolari. C’è poi il discorso delle eventuali sostanze nocive contenute nelle creme, ma partiamo dai dati di fatto.
Sulla Terra giungono diversi tipi di radiazioni solari: alcune di esse si presentano sotto forma di luce, mentre altre sono rappresentate da raggi infrarossi e raggi ultravioletti. Di questi ultimi ne esistono di tre tipi: raggi UVA, UVB e UVC, i primi due tipi sono responsabili dell’abbronzatura ed agiscono stimolando la produzione di melanina. I raggi UVA, che non si limitano a colpire l’epidermide ma penetrano più profondamente, sono responsabili dell’invecchiamento cutaneo, ma non sono i più dannosi. Pare infatti che siano le radiazioni UVB ad alterare il DNA cellulare, favorendo la formazione di tumori della pelle.
Per questi motivi si dice sia necessario utilizzare creme in base al proprio fototipo:

  • Fototipo 1: carnagione particolarmente chiara; molto spesso la loro pelle è caratterizzata dalla presenza di efelidi, il colore degli occhi è il più delle volte chiaro e frequentemente hanno capelli biondi o rossi.
  • Fototipo 2: carnagione chiara con frequente presenza di efelidi; i capelli sono spesso di colore biondo scuro o castano chiaro. Il colore degli occhi può invece essere chiaro o scuro. La loro abbronzatura non è mai particolarmente appariscente.
  • Fototipo 3: è il fototipo più frequente in occidente. La carnagione di questi soggetti è bruno-chiara; i capelli sono castani, mentre gli occhi possono essere sia chiari che scuri. Le scottature solari in questi soggetti sono meno frequenti e l’abbronzatura di questi soggetti è piuttosto marcata e omogenea.
  • Fototipo 4: carnagione è olivastra o piuttosto scura. I capelli sono neri o castano-scuri. Il colore degli occhi è scuro. La pelle dei soggetti appartenenti al fototipo 4 è scarsamente sensibile alle radiazioni solari, anche nel caso di esposizioni prolungate.
  • Fototipo 5: carnagione bruno-olivastra. I capelli sono di colore nero e gli occhi sono di colore scuro. L’esposizione anche prolungata al sole non provoca particolari reazioni.
  • Fototipo 6: i soggetti di questo fototipo hanno carnagione e capelli di colore nero. Gli occhi sono di colore scuro. La colorazione della loro pelle non muta, anche nel caso di prolungate esposizioni alle radiazioni solari.

In base al fototipo cui si appartiene è necessario scegliere la crema con il filtro solare più adatto. Ne esistono di due categorie: filtri chimici e filtri fisici. I primi impediscono alle radiazioni di penetrare nella pelle proteggendola dai raggi UVB, e sono contenuti nella maggior parte dei prodotti. I filtri fisici invece agiscono riflettendo le radiazioni solari e sono contenuti nelle creme che lasciano sulla pelle una sottile patina di colore bianco, generalmente utilizzati nei prodotti per bambini o per la protezione delle labbra.
Le creme solari sono sottoposte ad una specifica legislazione, che prevede una lista di sostanze ammesse, le concentrazioni e le avvertenze. Dato per assodato che se un prodotto è in commercio è perché rientra nei parametri legislativi ammessi, bisogna dire che tra i filtri chimici ci sono quelli positivi e quelli negativi.

Filtri chimici POSITIVI

  • butyl methoxydibenzoylmethane (nome commerciale parsol): uno dei più utilizzati ed efficaci per raggi UVA e in parte UVB, potrebbe però essere instabile
  • ethylhexyl methoxycinnamate: efficace per gli UVB, adatto a pelli sensibili. Non è però utilizzabile da solo perché non garantisce un’ampia copertura
  • terephthalylidene dicamphor sulfonic acid, (nome commerciale mexoryl mx): è molto efficace per gli UVA e in parte UVB, non penetra nella pelle.

Filtri chimici NEGATIVI

  • benzophenone-3: è sospettato di penetrare attraverso la cute e potrebbe provocare allergie o problemi ormonali
  • methylbenzylidencamphor: alcuni studi hanno dimostrato alterazioni della tiroide sulle cavie, è stato trovato in tracce nelle urine quindi penetra nella pelle. Può anche dare reazioni allergiche
  • paraaminobenzoico acid (PABA): molto utilizzato in passato, efficace in particolare per i raggi UVB. Potrebbe provocare sensibilizzazione e reazioni allergiche. Inoltre, alcuni studi hanno dimostrato che ha effetti estrogenici. Per questi motivi, il comitato scientifico della Commissione Europea che si occupa della sicurezza dei cosmetici ha deciso che non può più essere utilizzato come filtro.

In alcuni prodotti vengono aggiunti anche altri minerali come filtri fisici, come l’ossido di zinco (zinc oxide) o il talco (talc): non sono necessari e da soli non possono garantire una protezione accettabile.
Una recente ricerca condotta dalla Missouri University of Science and Tecnology, tuttavia, afferma che l’ossido di zinco può aumentare il rischio di sviluppare il cancro della pelle. Sembra che esponendosi al sole, dopo essersi spalmati una crema con questa sostanza, si inneschi una processo chimico che induce l’ossido di zinco a produrre radicali liberi, che a loro volta si legano ad altre molecole andandone a danneggiare il DNA. Inoltre più l’ossido di zinco viene esposto alla luce solare (sulla nostra pelle) più aumenta il potenziale pericolo. I ricercatori affermano che lo studio è solo all’inizio e che non è il caso di allarmarsi, ma per ora i risultati sono tutt’altro che confortanti.

Oltre ai filtri le creme solari, e i cosmetici in generale, contengono eccipientiche possono creare problemi all’organismo. Le classi a cui appartengono queste sostanze, assenti nei prodotti certificati Bio, sono:

  • Derivati del petrolio: grassi minerali derivati da petrolio come la vasellina. Vengono utilizzati come emulsionanti e per aumentare la permeabilità della pelle, ottenendo che l’organismo assorba più rapidamente eventuali componenti tossici. In Bio cosmesi viene invece utilizzata la lanolina
  • Tensioattivi etossilati: svolgono azione lavante e sono riconoscibili dal suffisso -eth. Queste sostanze subiscono il processo di etossilazione, che può provocare la formazione di particelle riconosciute come cancerogene
  • Siliconi: riconoscibili con il suffisso -one e -xane, sono sostanze sintetizzate chimicamente utilizzate nelle creme solari per renderle idrorepellenti. Il Dimethicone, che si trova in molti prodotti, è un agente cancerogeno
  • Polimeri sintetici: derivati dal petrolio, vengono usati per ottenere la giusta consistenza. Riconoscibili dai prefissi acryl e polymer
  • Conservanti: possono provocare dermatiti da contatto e sono potenzialmente tossici
  • Antiossidanti: il Butilidrossianisolo (BHA) metabolizzato dal metabolismo, secondo la Commissione Europea, diventa cancerogeno
  • Coloranti: irritanti della pelle e potenzialmente tossici. Sono riconoscibili dalla sigla CI seguita da un numero a più cifre
  • Profumi sintetici: indicati in etichetta come Parfum. Se sono di origine chimica, come spesso accade, possono causare allergie e sensibilizzazioni
  • MEA, DEA, TEA: queste sigle indicano Mono-, Di- e Tri-etanolamina. Si tratta di sostanze regolatrici del PH sono state riconosciute come altamente irritanti e possibili cancerogeni. Possono infatti reagire con altri composti e generare nitrosammine, che sono sostanze dichiarate cancerogene.

In definitiva, come spesso accade, l’unico modo per proteggersi dagli effetti nocivi del sole è utilizzare il buon senso. Non prendere il sole durante le ore più calde, evitare lunghe esposizioni e i soggetti più sensibili è bene che si coprano con indumenti leggeri di cotone. Volendo utilizzare una crema è bene sceglierla con oculatezza tra quelle che contengono sostanze di origine naturale con proprietà schermanti e idratanti come, ad esempio, la macadamia, l’olio di sesamo, l’aloe vera, la cera d’api e il burro di karitè, per realizzare un prodotto in casa economico e, soprattutto, non tossico.

Burro solare da realizzare in casa

  • Ingredienti: burro di Karitè grezzo bio 80 g, amido di mais 15 g, olio di riso addizionato di Vit. E 15 g, olio di Jojoba bio 10 g, olio extra vergine di oliva non filtrato 15 g, lecitina di soia da pasticceria 20 g, olio essenzialeLavanda 5 gocce, olio essenziale Geranio rosato 2 gocce
  • Mescolare con cura gli ingredienti, ad esclusione del burro di karitè e gli oli essenziali. Metterli in un recipiente a bagnomaria, senza far bollire e a fiamma bassa, aggiungendo il burro mescolando bene finché non si è completamente fuso e tutti gli ingredienti sono ben amalgamati. Mettere il tutto in un barattolo aperto per lasciare intiepidire il composto. Una volta tiepido, versare gli oli essenziali e mescolare bene. Tappare e lasciate raffreddare. Da conservare al fresco per massimo 3 mesi.

Fonte: latitudeslife.com | Federica Giuliani

Annunci

Prendere il sole nel centro di New York: parte il progetto ‘East River Blueway’

Inserito il

Un combinato New York-soggiorno balneare potrebbe costare molto di meno. Basta che vada in porto il progetto ‘East River Blueway’ per costruire una spiaggia nel cuore della Grande Mela.
I dettagli dell’iniziativa vedono un impegno da 3,5 milioni di dollari per un tratto di spiaggia da 9 chilometri: quelli che costeggiano l’East River nel tratto compreso tra il ponte di Brooklyn e la 38esima strada. Se qualcuno pensa che si tratti solo di un pirotecnico progetto destinato a restare sulla carta, può controllare i nomi di coloro che sostengono l’idea: il promotore è il presidente del Manhattan Borough, Scott Stringer, che avrebbe incassato l’appoggio di Brian Kavanagh, rappresentante dell’Assemblea statale di New York.
Insomma, la realizzazione di una spiaggia newyorkese potrebbe non essere così lontana… con tanto di ombrelloni, sedie a sdraio, chioschi e sport aquatici!

Il progetto Mundo Maya

Più di 150 siti archeologici con i resti della cultura maya, una delle civilizzazioni più affascinanti della storia, sparsi in un’area che oggi comprende cinque Paesi centroamericani (Belize, El Salvador, Guatemala, Honduras e Messico), e che naturalmente rappresentano una grande attrazione per i turisti. In particolare quest’anno, perché secondo il calendario Maya il 21 dicembre 2012 si conclude il ciclo di un milione 877 giorni, che ebbe inizio nell’anno 3114 a.C., segnando l’avvio di una nuova era (e non la fine del mondo ipotizzata da molti).
Per i maya infatti il tempo era concepito come un movimento ciclico prodotto da un essere sacro, il Sole, che determinava i cambi sulla terra (giorno, notte, stagioni ecc.). E il messaggio sulla fine di un ciclo è iscritta in due pietre incise più di 1.300 anni fa, nel secolo VII d.C., che sono state ritrovate a poca distanza una dall’altra, nello Stato di Tabasco, in un piccolo mattone ritrovato a Comalcalco e nel cosiddetto Monumento 6 di Tortuguero: una volta compiuto il tredicesimo B’ak’tun, scenderà dal cielo un dio, conosciuto come Bolon Yokte’K’u – o Signore della Luce ­– e si completerà un ciclo di 5.125 anni.
Sull’onda dell’interesse mondiale suscitato dalla cosmovisione Maya in coincidenza con questa data, i cinque Paesi del Centro America hanno lanciato un programma, con il marchio Mundo Maya 2012,  che prevede visite, eventi e manifestazioni che toccano tutti i principali siti archeologici.

Messico
Il programma Mundo Maya è al centro dell’azione promozionale incentrata in particolare sul Sud-Est del Messico, regione che ha molto da offrire ai visitatori, soprattutto a quelli interessati al turismo culturale. Naturalmente il progetto prende il via dal 21 dicembre 2012, data su cui ormai si è detto e scritto di tutto. In particolare Campeche, Chiapas, Quintana Roo, Tabasco e Yucatán, ossia gli Stati che compongono il Mondo Maya, hanno sviluppato una serie di attività per promuovere le iniziative turistiche dell’intero Paese. Ad esempio, la ristrutturazione – a cura dell’Instituto Nacional de Antropología e Historia – dell’ex convento di Santo Domingo de Guzmán a San Cristóbal de las Casas (Chiapas); la costruzione di un Mirador Turístico nella Reserva Ecológica de Calakmul (Campeche); l’apertura delle zone archeologiche di Lagartero y Plan de Ayutla in Chiapas e di Ichkabal nella Reserva Forestal de Bacalar in Quintana Roo, e del Museo Archeologico di Cancún (Quintana Roo).
Per sostenere il programma, il Governatore dello Stato di Yucatán, Ivonne Ortega Pacheco ha inaugurato lo scorso settembre il Gran Museo del Mundo Maya di Mérida, il più grande museo della cultura Maya.
Le numerose attività e cerimonie Maya in programma per il 2012 hanno avuto inizio lo scorso 21 marzo con l’Equinozio di Primavera: i prossimi appuntamenti in calendario sono fissati il 15 dicembre con il Concierto del Sistema Estatal de Orquestas Juveniles al Teatro José Peón Contreras di Mérida; il 21 dicembre con il Solstizio d’inverno e la conseguente fine del calendario (Chichén Itzá, Uxmal, Dzibilchaltùn); il 21 marzo 2013 con la Nueva Cuenta / Equinozio di Primavera, evento turistico-culturale a Chichén Itzá.
Ultimo, ma non meno importante, il progetto dei Pueblos Mágicos, promosso dal ministero del Turismo del Messico in collaborazione con diverse autorità locali. Un’iniziativa volta alla valorizzazione e alla promozione turistica di 57 cittadine che nell’immaginario comune del Paese sono sempre state rappresentative dell’essenza messicana. L’obiettivo è far conoscere ai turisti alcuni piccoli gioielli messicani, dando anche un riconoscimento a coloro che abitano questi luoghi e che hanno contribuito nel tempo a conservare per tutti le ricchezze culturali e storiche in essi custodite. Si va, ad esempio, dalla città fantasma di Real de Catorce alle fertili valli di Parras e Tequila, dai monumenti coloniali di Izamal alle misteriose grotte di Tapalpa e Mazamitla.

Guatemala
In Guatemala la cultura Maya si manifesta nella gastronomia, nel variopinto artigianato e nelle abitudini quotidiane che si espandono dall’altipiano di Chichicastenango fino al lago Atitlan, e in località ormai mitiche come Yaxhà, Ceibal e Tikal.
In particolare questa città, una delle più importanti dell’antico mondo Maya, sarà la sede del summit mondiale sulla Nuova Alba per l’Umanità, in programma il 20 e 21 dicembre prossimi. L’evento è stato organizzato dal governo guatemalteco con l’obiettivo di attrarre le menti più creative del mondo, che arriveranno in questo luogo per dare il benvenuto alla nuova era predetta dai Maya. Tra i partecipanti è prevista la presenza del cantante canadese Neil Young, del rocker americano Bruce Springsteen, del tenore spagnolo Placido Domingo, del cantautore inglese Elton John, del gruppo rock irlandese U2.

La ‘Ruta Maya’
Nei prossimi anni, i cinque Paesi che formano la Ruta Maya (Belize, Guatemala, Honduras, El Salvador e Messico) rafforzeranno i collegamenti aerei, via terra e marittimi per facilitare gli spostamenti tra di loro. La Ruta Maestra Mundo Maya prevede, infatti, di realizzare un circuito turistico che comprenderà otto nuovi collegamenti aerei, due rotte marittime e una rete di strade che collegheranno 90 destinazioni legate alla cultura Maya in tutta la regione. In totale, la Ruta toccherà quasi 100 luoghi turistici, tra cui spiagge, siti archeologici, città e località dove praticare l’ecoturismo.

Tutto lo splendore di una civiltà
Nel Belize il paesaggio interno è dominato dalle montagne, dove una natura esuberante nasconde le altissime decorazioni dei templi di Xunantunich in riva al fiume Mopan; ma il centro più esteso e più impressionante è senza dubbio Caracol.
I resti della civiltà Maya in El Salvador appaiono sepolti – come nella Joya de Cerèn, sotto le ceneri di una violenta eruzione vulcanica – o tra le piantagioni di caffè, che fiorirono quando il Paese commerciava con tutti i più importanti imperi pre-Ispanici del Centro America, offrendo un viaggio sorprendente nella vita quotidiana degli antichi Maya.
Lo splendore e l’eccellenza artistica della civiltà Maya si trovano nella mitica città di Copàn, in Honduras, alla frontiera del Centro America. Da queste straordinarie rovine risultano evidenti le impressionanti conoscenze artistiche e scientifiche e la sofisticata organizzazione sociale e politica di questo popolo. Geroglifici e scene delicatamente scolpite in rilievo raccontano storie che il tempo ha cancellato dalla memoria dei popoli, mentre i visitatori si trovano davanti a una profusione di arte che è difficile trovare altrove.

Occhio al sole anche sotto l’ombrellone…

Inserito il

Il cono d’ombra creato dall’ombrellone, che facilita pisolini riposanti in spiaggia, non protegge al cento per cento dai raggi del sole. Anzi, un terzo delle radiazioni ultraviolette emesse dal sole riesce comunque a raggiungere l’ignaro vacanziero o il bambino che gioca con formine e secchiello.
È questo il risultato di uno studio condotto da ricercatori che ha evidenziato, grazie all’impiego di un sensore in grado di monitorare la presenza e l’intensità dei raggi ultravioletti, come in realtà le emissioni solari vengano intercettate dall’ombrellone se provengono verticalmente ma riescano in qualche modo a raggiungere la persona in modo trasversale od orizzontale. È quindi sempre consigliabile utilizzare schermi protettivi come cappelli con visiera, occhiali da sole e creme per la pelle anche quando si ritiene di essere protetti dall’ombrellone. L’esposizione eccessiva ai raggi solari, infatti, in particolare nelle ore più calde della giornata, può determinare insolazioni, fotoinvecchiamento, disturbi oculari e aumenta il rischio di melanoma.

Eclissi di Luna visibile in tutta Italia: stasera, dalle 21, guardate il cielo!

Inserito il

Stasera, mercoledì 15 giugno, l’Italia si trasformerà dalle 21 alle 23, in un gigantesco cinema all’aperto!
Meteo permettendo, sarà infatti possibile assistere alla più lunga eclissi totale di Luna degli ultimi dodici anni: per un’ora e 40 minuti, infatti, l’ombra della Terra oscurerà completamente il nostro satellite.
Il fenomeno sarà seguito in tutto il mondo, potrà essere osservato dall’Europa e dall’Asia e sarà visibile anche dall’Italia. Secondo gli astronomi, la Luna sorgerà alle 21.10 e alle 21.22 inizierà la fase massima che si protrarrà fino alle 23.03. L’eclisse verrà trasmessa in diretta web su Focus.it a partire dalle ore 21.30 tramite le telecamere posizionate sul telescopio dell’osservatorio di Ca’ del Monte (Pv). L’eclisse si vedrà  un po’ prima al Sud che al Nord, comunque nessun pericolo: dopo le 21.30 si vedrà bene in qualunque località dello stivale!
L’eclissi di Luna è un fenomeno che avviene quando Sole, Luna e Terra sono allineati. Dato che Terra e Luna si muovono rispetto al Sole, e la Luna anche rispetto alla Terra, il fenomeno è molto dinamico. La Terra proietta nello Spazio la sua ombra e la Luna vi entra un po’ alla volta, prima nella Penombra e poi nell’ombra completa.
L’eclissi totale di Luna farà tingere di rosso il nostro satellite. Un vero e proprio spettacolo per gli amanti del cielo e per tutti i curiosi. Come si legge sull’Ansa, l’astronoma Elena Lazzaretto, dell’osservatorio di Padova dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf), ha spiegato: “La Luna si tingerà di un bel rosso carico perché va proprio verso il centro del cono d’ombra”. L’atronoma ha poi aggiunto che le tonalità del rosso dipendono molto anche dalle caratteristiche dell’atmosfera, come quelle che derivano dall’inquinamento o quelle liberate dai fenomeni vulcanici.
Questa volta la Luna diventerà probabilmente molto rossa per due motivi. Il primo è che la totalità inizia poco dopo il sorgere della Luna e quindi questa rimane bassa e più facilmente in queste condizioni è di colore rosso, lo vediamo anche in condizioni normali tante volte nella nostra esperienza comune e senza bisogno di eclissi. Il secondo è che in questo momento ben tre vulcani stanno eruttando lava, lapilli e soprattutto alte colonne di fumo e polvere: in Islanda, in Sud America e ora anche in Etiopia. Potrebbero aver caricato gli strati alti dell’atmosfera di polvere e quindi la colorazione della Luna piena potrebbe essere per questo già più rossa del normale.
Secondo l’Unione Italiana Astrofili (Uai), l’eclissi sarà l’evento astronomico dell’anno. La Luna sarà molto bassa all’orizzonte, quindi per assistere al fenomeno nelle migliori condizioni è bene cercare un punto di osservazione dal quale l’orizzonte sia libero verso Sud-Est. Uno spettacolo da non perdere considerando, tra l’altro, che il prossimo appuntamento con qualcosa di simile sarà nel settembre 2015; la Luna rossa del prossimo 10 dicembre, infatti, potrà essere vista solo dall’Australia.
Una curiosità, ovvia ma a cui non ci si pensa mai: vista dalla Luna è un eclissi di Sole, quel che scompare infatti è proprio la nostra stella, oscurata dalla Terra.
Chi volesse fare un figurone in compagnia riconoscendo i vari crateri lunari può “prepararsi” sulla migliore immagine navigabile della Luna esistente, che trovate a questo indirizzo http://wms.lroc.asu.edu/lroc_browse/view/wac_nearside
Nuvole permettendo… buono spettacolo!