Feed RSS

Archivi tag: Stati Uniti

Norwegian: fino al 6 agosto la settimana dei saldi

Inserito il

NCL - Norwegian Cruise Line logo

Fino al 6 agosto è in programma la ‘settimana dei saldi’ firmata Norwegian Cruise Line: tariffe superscontate per chi vuole prenotare in anticipo una crociera dal catalogo 2013/2014.
La promozione è valida per tutti gli itinerari e le navi, compresa la nuovissima Norwegian Breakaway, inaugurata ufficialmente ad aprile, che effettua crociere in partenza da New York con destinazioni quali Bahamas e Florida, Bermuda e Caraibi meridionali.
Alla volta delle Bermuda naviga anche la Norwegian Dawn, con partenze da Boston, Québec City, Tampa o New Orleans per visitare Canada e New England, Bermuda o Caraibi.
È invece il Sud Europa il protagonista delle crociere di Norwegian Jade, con itinerari da 7 a 14 notti nel Mediterraneo, Adriatico, in Croazia, Grecia, Italia e Turchia. A questi si aggiungono i nuovi itinerari invernali in partenza da Civitavecchia, della durata di 10 o 11 notti.
Vi è, inoltre, la possibilità di prenotare viaggi in Nord Europa a bordo della Norwegian Star, oppure crociere tra i ghiacciai con la Norwegian Sun, che propone itinerari di 7 o 14 notti in partenza da Whittier o Vancouver e con destinazione Glacier Bay e Ghiacciaio Sawyer.

Digital detox, vacanze senza internet

Inserito il

Lasciate ogni smartphone o voi che entrate. Si potrebbe parafrasare così il motto di Digital Detox, una compagnia nata nel 2012 con l’obiettivo di aiutare le persone a disintossicarsi dalle decine di dispositivi digitali dai quali siamo tutti più o meno dipendenti. Come? Organizzando ritiri e campi estivi dove ogni tecnologia è bandita, così da favorire i rapporti umani e il contatto con la natura.
L’idea è venuta a Felix Levi, un giovanissimo americano che a soli 24 anni si era reso conto di essere dipendente da PC, smartphone e tablet, passando quasi 80 ore alla settimana incollato a uno schermo. Così Felix ha lasciato il suo lavoro ben pagato e ha passato due anni in giro per il mondo alla ricerca di uno stile di vita diverso, tra yoga e meditazione. E al suo ritorno negli Stati Uniti ha deciso di condividere quest’esperienza con altre persone, alla modica cifra di circa 2mila dollari per quattro giorni di detox. Come quelli di Camp Grounded, che si è svolto a giugno nella Anderson Valley, la patria californiana del vino. Ma la storia di Levi non è semplicemente quella di un “hippie del duemila”: l’americano medio passa tra le 8 e le 12 ore al giorno davanti a uno schermo, e dedica a Internet il 30% del suo tempo libero. Senza contare le infinite notifiche e messaggi che affollano in continuazione i nostri smartphone. E c’è mancato pochissimo che la dipendenza da Internet (o IAC, Internet Addiction Disorder) entrasse nel recente DSM-5, la bibbia delle patologie psichiatriche. La filosofia dietro il digital detox non punta però alla rimozione del digitale dalla nostra vita: l’obiettivo è quello di educare a un uso moderato e cosciente della tecnologia che ci circonda, senza diventarne schiavi.
E se negli Stati Uniti iniziative di questo tipo spuntano ovunque, persino nel tempio digitale della Silicon Valley, anche in Italia alberghi e resort si stanno attrezzando per offrire vacanze unplugged, come ad esempio il Poecylia Resort in Sardegna o l’hotel Villa di Campo in Trentino. Le tariffe vanno dai 180 ai 240 euro a notte, ma non preoccuparti: se vuoi una disintossicazione fai-da-te ti basta una semplice app come Digital Detox che blocca completamente il tuo smartphone da 30 minuti fino a 30 giorni. Ma fai attenzione: una volta confermata la tua scelta, non si può più tornare indietro. Buon detox!

Fonte: wired.it

Palermo wedding destination, nasce il progetto “I Do”

Inserito il

amore - love

Palermo si presenta come location per le coppie di sposi. L’Authority del turismo della città siciliana, infatti, ha lanciato in questi giorni “Palermo I Do”, un progetto dedicato al segmento wedding tourism e rivolto in particolare al mercato giapponese, americano ed europeo.
Il progetto è rivolto a quelle coppie che decidono di celebrare il rito in una città diversa da quella di residenza. Il Comune dà, infatti, la possibilità di vivere il giorno più importante della vita dei futuri sposi in una delle tante location di prestigio che offre il capoluogo siciliano. Oltre alle due sedi preposte per la celebrazione di matrimoni civili, i locali della Real Fonderia e la Chiesa di San Mattia di prossima apertura, infatti, la coppia potrà sceglierne di inedite. Inoltre, la coppia potrà piantare un albero nel Parco della Favorita, nell’area attrezzata del Piazzale dei Matrimoni: il Comune di Palermo sottoscriverà con i due sposi un ‘contratto di adozione’, con cui si impegna a fornire ogni anno foto e informazioni sullo status dell’albero.
L’iniziativa, oltre ad attrarre un turismo di fascia alta verso il capoluogo siciliano, punta a stimolare un rapporto di fidelizzazione fra la coppia e la città.

La top ten delle mete dell’estate 2013 secondo American Express

Inserito il

Vince il mare nell’estate 2013, almeno secondo American Express. L’agenzia di viaggi dell’azienda ha stilato una classifica delle mete più prenotate dai titolari di carte di credito. La classifica vede al primo posto la Grecia, che si conferma una delle mete protagoniste per questa stagione calda. Al secondo posto si piazza l’Italia (con Sardegna, Puglia e Sicilia il testa). E anche il gradino più basso del podio, conquistato dagli Stati Uniti, conferma in realtà la vittoria della vacanza mare: tra le mete più prenotate, infatti, spiccano Miami e i Caraibi.
Completano la top five il Mar Rosso e il Mediterraneo, sempre sull’onda del turismo balneare. La classifica prosegue, nell’ordine, con Disneyland Paris, Spagna, Polinesia, Maldive, Sudafrica.

Prendere il sole nel centro di New York: parte il progetto ‘East River Blueway’

Inserito il

Un combinato New York-soggiorno balneare potrebbe costare molto di meno. Basta che vada in porto il progetto ‘East River Blueway’ per costruire una spiaggia nel cuore della Grande Mela.
I dettagli dell’iniziativa vedono un impegno da 3,5 milioni di dollari per un tratto di spiaggia da 9 chilometri: quelli che costeggiano l’East River nel tratto compreso tra il ponte di Brooklyn e la 38esima strada. Se qualcuno pensa che si tratti solo di un pirotecnico progetto destinato a restare sulla carta, può controllare i nomi di coloro che sostengono l’idea: il promotore è il presidente del Manhattan Borough, Scott Stringer, che avrebbe incassato l’appoggio di Brian Kavanagh, rappresentante dell’Assemblea statale di New York.
Insomma, la realizzazione di una spiaggia newyorkese potrebbe non essere così lontana… con tanto di ombrelloni, sedie a sdraio, chioschi e sport aquatici!

All’asta l’Air Force One in pensione dal 2005

Inserito il

Il prezzo di partenza per l’asta è stato fissato in 50mila dollari, ma considerato l’oggetto non mancheranno rialzi in sequenza. Al centro della vendita all’incanto un Dc 9 su cui campeggia la scritta United States of America che, nel trentennio compreso tra il 1975 e il 2005, ha svolto le funzioni di aereo presidenziale.
Il velivolo attualmente è in “pensione” in Arizona, all’aeroporto di Mesa. Al suo interno sono custoditi segreti di innumerevoli missioni presidenziali, che non verrano, ovviamente, mai svelati.

New York, ecco il grattacielo del lusso

Inserito il

New York

Sarà il “condominio” più alto dell’Occidente e punta, tra le tante mire, a riportare il lusso proprio nell’Ovest del mondo. Sono appena stati completati i primi 10 dei 90 piani del nuovo grattacielo che sorgerà nel centro di Manhattan, tra la 56 esima e Park Avenue. Sarebbe già una corsa a suon di dollari per accaparrarsi gli appartamenti liberi, che si tratti di modesti alloggi, si fa per dire, o degli attici ‘penthouse’, ovvero con vista su tutti e quattro i punti cardinali.
Gli appartamenti intorno al 40 esimo piano costano 9,7 milioni di dollari ma salendo verso l’alto si può arrivare a 31,8 milioni di dollari che diventano 44,8 milioni intorno al 70 esimo piano. Il supercondominio sorge sul terreno che ospitava il Drake Hotel, storico albergo di Midtown demolito poi nel 2006.