Feed RSS

Archivi tag: storia

Restauro Colosseo: via libera alla sponsorizzazione di Della Valle

Inserito il

Colosseo, Roma

Il restauro del Colosseo potrà portare la firma (e soprattutto i soldi) della Tod’s di Diego Della Valle. Il via libera è arrivato grazie alla sentenza del Consiglio di Stato che, secondo quanto riportato da Repubblica.it, ha rigettato il ricorso del Codacons.
La sponsorizzazione degli interventi di ristrutturazione del monumento simbolo di Roma avrà un valore di 25 milioni di euro e consentirà di effettuare importanti interventi di salvaguardia del Colosseo.

Annunci

Roma pedonalizza i Fori, serata di festa sabato 3 agosto

Inserito il

Fori Imperiali - Roma

Si avvicina la pedonalizzazione dei Fori imperiali a Roma. La nuova viabilità, e dunque il divieto di transito per le auto private, scatterà sabato 3 agosto alle 5.30 del mattino. Si tratta di una vera rivoluzione per il centro storico di Roma e per i romani.
L’evento, di portata storica, sarà celebrato con una serie di manifestazioni che vanno sotto il nome di ‘La notte dei Fori’ e partiranno sabato 3 alle ore 21.30. Ad aprire la serata saranno il sindaco, il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e altre autorità che sfileranno lungo via dei Fori Imperiali preceduti dalla Banda dei vigili urbani.
Accanto a questo apriranno i battenti i principali siti archeologici dell’area, visitabili gratuitamente con l’accompagnamento di guide ufficiali. Durante la serata, e lungo il percorso pedonale, sarà possibile assistere a performance teatrali, musicali e acrobatiche, spettacoli di artisti di strada.

Nasce la ‘Via del cioccolato’, itinerari dall’Umbria al Messico

Inserito il

cioccolato

Un viaggio in Europa e nel mondo su una strada lastricata di cioccolato. È nata in Umbria la ‘Via del Cioccolato – The Chocolate Way’, un progetto lanciato dalla Camera di commercio di Perugia che mette insieme Spagna, Belgio, Francia, Inghilterra e presto anche il Messico, partendo però da realtà italiane, Perugia e Terni innanzi tutto, e poi Torino, Cuneo e Ragusa.
I soci europei sono L’Asociaciacion de Fabricantes de Turraan e Derivados y Chocolate de la Comunidad Valenciana in Spagna, la Route Belge du Chocolat in Belgio, la Seventy % in Gran Bretagna e la Route francaise du Chocolate in Francia.
Gli itinerari della ‘Via del Cioccolato’ si snoderanno, con partenza dall’Italia, attraverso questi quattro Paesi del Vecchio Continente e in futuro anche in Messico in un percorso che toccherà territori dove la produzione storica artigianale di qualità è una tradizione consolidata.

Brasil World alla scoperta di Cuba, due itinerari ad agosto

Inserito il

Cuba - Havana

Sono entrambi di dodici giorni i due nuovi itinerari che Brasil World propone per andare alla scoperta di Cuba nel mese di agosto, abbinando il tour culturale al soggiorno balneare a Cayo Santa Maria.
Il primo, ‘Meraviglie cubane’, prevede una partenza il 4 agosto e include la visita della capitale e dei dintorni, con una puntata anche alla Finca Vigia, a San Francisco de Paula, casa museo dove lo scrittore Ernest Hemingway visse per circa vent’anni. Si prosegue per la Valle de Viñales, Cienfuegos e Trinidad, ma il tour prevede anche un’escursione a bordo di camion partendo da Topes de Collante, per i sentieri del Parco di Guanayara. E ancora Santa Clara, con visita del treno blindato e del Mausoleo dedicato a Che Guevara, per poi  terminare con un soggiorno a Cayo Santa Maria, in un resort all inclusive.
‘Tesori Cubani’, sempre di 12 giorni e 10 notti, con partenza il 5 agosto, prevede oltre alla visita di Habana e della Valle de Viñales, Cayo Jutía, un’oasi naturalistica popolata da colonie di uccelli migratori. Dopo la visita a Las Terrazas, uno spazio naturale di circa 5mila ettari, il tour include anche una sosta a Playa Girón, famosa per essere stata luogo d’approdo dell’invasione della Baia dei Porci nel 1961. Il viaggio prosegue con la visita di Cienfuegos, Trinidad e Santa Clara, per terminare con un soggiorno mare a Cayo Santa Maria.
La quota include il volo intercontinentale con partenza dagli aeroporti di Milano, la sistemazione in camera doppia con trattamento di mezza pensione (all inclusive nel resort di Cayo Santa Maria) il tour con guida parlante italiano.

Cene nei musei italiani, Firenze prepara il tariffario

Inserito il

Galleria Uffizi - Firenze

Monumenti e musei in affitto per cene, aperitivi e eventi aziendali. È l’ultima tendenza, anzi il nuovo business che ruota attorno alla grande arte italiana, in particolare quella fiorentina. Dopo la cena-evento organizzata dalla Ferrari, che per l’occasione ha fatto blindare e vietare il passaggio dei turisti sul Ponte Vecchio, il Comune di Firenze avrebbe deciso di aprire altri monumenti per appuntamenti mondani e di pubblicare un vero e proprio tariffario per gli affitti.
Ne avrebbe uno pronto la soprintendente del Polo museale fiorentino, Cristina Acidini, che ricorda anche le polemiche come quelle seguite alla sfilata di Stefano Ricci agli Uffizi, con cornice di guerrieri masai (costo 130 mila euro), o sull’affitto per un matrimonio indiano extralusso del Cortile dell’Ammannati a Palazzo Pitti (40 mila euro).
Un fenomeno che sta interessando le grandi città d’arte della Penisola, ma che viene trattato ancora con circospezione. “Prima vogliamo capire bene quali siano le richieste più congrue con la nobiltà dei vari luoghi – spiega al quotidiano la soprintendente del Polo museale di Venezia, Giovanna Damiani -. Le concessioni sono attorno ai 15mila euro al mese per il Museo archeologico di piazza San Marco, 1.000 per concerti a Palazzo Grimani, e presto toccherà al cortile della Ca’ d’Oro, sul Canal Grande”.
Intanto, in Sicilia, è il tempio di Segesta a salire agli onori della cronaca per una cena da 5mila euro di un gruppo di ricchi americani dentro il tempio di se gesta. “D’ora in poi – dice l’assessore regionale ai Beni culturali Maria Rita Sgarlata, secondo Repubblica – saranno permessi solo eventi adeguati al valore culturale dei siti”.

Lonely Planet a rischio, i viaggiatori twittano i ricordi di viaggio

Inserito il

guide Lonely Planet

Lonely Planet rischia la chiusura. La casa editrice delle famose guide turistiche, dopo soli 4 mesi dalla cessione a NC2 Media, avrebbe deciso di licenziare numerosi dipendenti. Complice la crisi della carta e la diffusione delle applicazioni di viaggio, le vendite sono infatti crollate del 14% tra il 2010 e il 2011 e poi di un altro 21% tra il 2011 e il 2012.
Non appena la notizia ha iniziato a circolare, i fan della guida hanno iniziato a twittare con l’hashtag #lpmemories per ricordare i loro momenti di viaggio più belli.
Lonely Planet d’altro canto smentisce la chiusura e spiega di star avviando una ristrutturazione aziendale e dice di volersi impegnare a fondo per continuare a pubblicare le guide. Il primo numero della Lonely Planet risale al 1972, quando Tony e Maureen Wheeler scrissero la loro guida di viaggio “Across Asia on the cheap”. Il volume più venduto fu quello sull’India, nel 1981. La Lonely Planet tradizionalmente ha coperto il 60% del mercato delle guide turistiche in Australia, ma con il passare degli anni ha conquistato il resto del mondo. Nel 2007 i Wheeler’s vendettero il 75% della compagnia alla BBC Worldwide e il resto quattro anni dopo.

Originaltour in Oman, venti itinerari di gruppo in programma

Inserito il

Oman

Tour di gruppo con partenze garantite e itinerari individuali su base privata. Queste le proposte che Originaltour dedica all’Oman, investendo nella destinazione con una ventina di itinerari che partono tutte le domeniche e prevedono l’assistenza in italiano.
Il tour più completo è “Oman classico”, di otto giorni, che prevede anche itinerari in fuoristrada per arrivare ai villaggi più remoti; durante i tour vengono usate diverse jeep da 4 persone, mentre in pullman si effettua solo la visita della città di Muscat. Dopo un giorno dedicato alla capitale, l’itinerario si sposta tra le oasi più belle del Sultanato con itinerari in 4×4 attraverso le montagne dell’Hajar. Tra le tappe anche il castello fortificato di Jabreen, la città storica di Bahia e Nizwa, l’antica capitale.
Altri tour in programmazione sono “Profumi d’incenso” che, oltre all’Oman centrale, prevede la visita del Sud del Paese e tappe nel Dhofar, la regione famosa per la produzione dell’incenso. Il tour operator propone, inoltre, “Panorami Omaniti” che, dopo l’Oman Centrale, arriva in Musandam, la regione dei fiordi dove si effettuerà una minicrociera. Infine il “Grand Tour dell’Oman”, che va dal Musandan alla zona centrale fino a Salalah.
Per quanto riguarda, invece, i tour individuali su base privata, le partenze sono giornaliere ed è prevista l’assistenza di personale italiano residente a Muscat.